La pioggia non ferma le Family Run, a Mestre e Dolo festa per tredicimila

Successo di partecipanti al parco San Giuliano e in Riviera per le due manifestazioni non competitive. Presenti tanti grandi nomi dello sport italiano, a partire da Stefano Baldini e Bebe Vio

La pioggia di questa mattina non ha spento l’'entusiasmo delle due Family Run, che si sono svolte in contemporanea al Parco San Giuliano di Mestre e a Dolo, e che hanno regalato emozioni grazie alla partecipazione di grandi campioni come Stefano Baldini, Bebe Vio, Martina Caironi e Giusy Versace a Mestre, e Simone Cercato e Pietro Martire a Dolo.

MESTRE - Al Parco San Giuliano il campione olimpico di Maratona di Atene 2004 Stefano Baldini ha tenuto a battesimo la Family Run assieme a Bebe Vio e alle campionesse paralimpiche Martina Caironi, oro ai Giochi di Londra sui 100 metri nella categoria T42 e Giusy Versace, primatista italiana dei 100 e 200 metri nella categoria T43.

DOLO - La gara in Riviera del Brenta è stata ancora una volta dedicata alla memoria di Lorenzo Trovò, il fondatore di Dolo Sport scomparso quattro anni fa. Il questo memorial a suo nome ha visto al via l'’olimpionico di nuoto Simone Cercato assieme a Pietro Martire, atleta molto conosciuto in Riviera che ha esordito lo scorso anno proprio a Venezia nella gara di handbike. Anche quest’'anno, la famiglia Trovò ha messo in palio un personal computer alla scuola elementare più numerosa e il premio è stato vinto dal circolo Elementare Mira 1.

LE SCUOLE - Tra le scuole più numerose presenti alle due Family Run, a Dolo ha vinto il liceo statale Galilei di Dolo con mille partecipanti, davanti alle scuole elementari di Dolo (640) e la scuola media Leopardi di Mira (626), mentre a Mestre si è imposto il liceo scientifico Bruno (644 partecipanti) davanti al liceo classico Franchetti (521) e la scuola media statale Giulio Cesare (483), tutti istituti di Mestre.

SOLIDARIETA' - Alle due Family Run, come sempre, si è corso per fare del bene. Il ricavato delle iscrizioni (3 euro per atleta), detratte le spese organizzative di 1 euro, verrà devoluto ad Africa Mission –Cooperazione e Sviluppo per la costruzione di pozzi d’'acqua potabile in Uganda e al progetto “Bimbingamba” - di cui è testimonial l’'ex pilota di Formula 1 Alessandro Zanardi - per la costruzione di protesi ai bambini. Il restante euro invece sarà trattenuto direttamente dalle scuole per finanziare i progetti didattici e dalle varie associazioni.

Coordinate dall’'associazione Un Cuore per Tutti onlus, alla Family Run di Mestre hanno partecipato alcune realtà nazionali e locali che operano sul territorio: il coordinamento provinciale di Telethon, l'’associazione Il Piccolo Principe, l’'Avis di Mestre, la Croce Verde di Mestre, l'’Aism di Venezia, il gruppo di Venezia-Mestre di Emergency e l’'ASAMSI.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento