“La via maestra: ricomporre il presente” apre la stagione del teatro Ca' Foscari

  • Dove
    Teatro Ca' Foscari
    Dorsoduro, 2137
  • Quando
    Dal 15/10/2019 al 16/10/2019
    20.30
  • Prezzo
    I biglietti si acquistano martedì 15 e mercoledì 16 ottobre 2019 dalle 19 alle 20
  • Altre Informazioni

Martedì 15 e mercoledì 16 ottobre, alle 20.30, al Teatro Ca’ Foscari, Marta Cuscunà apre il programma 2019/2020 “La via maestra: ricomporre il presente” con lo spettacolo Il Canto della caduta, liberamente ispirato al mito del regno di Fanes. Di e con Marta Cuscunà. Progettazione e realizzazione animatronica Paola Villani. Assistente alla regia Marco Rogante. Progettazione video Andrea Pizzalis. lighting design Claudio “Poldo” Parrino. Esecuzione dal vivo luci, audio e video Marco Rogante. Partitura vocale Francesca Della Monica. Assistente alla realizzazione animatronica Filippo Raschi.
Co-produzione Centrale Fies – CSS Teatro stabile d'innovazione del Friuli Venezia Giulia – Teatro Stabile di Torino – São Luiz Teatro Municipal | Lisbona
in collaborazione con Teatro Stabile di Bolzano e A Tarumba Teatro de Marionetas | Lisbona
Marta Cuscunà fa parte del progetto Fies Factory di Centrale Fies

Il regno di Fanes
Il mito di Fanes è una tradizione popolare dei Ladini, una piccola minoranza etnica (35.000 persone) che vive nelle valli centrali delle Dolomiti. È un ciclo epico che racconta la fine del regno pacifico delle donne e l’inizio di una nuova epoca del dominio e della spada.
È il canto nero della caduta nell'orrore della guerra.
Il mito racconta che i pochi superstiti del popolo di Fanes sono ancora nascosti nelle viscere della montagna, in attesa che ritorni il “tempo promesso”. Il tempo d’oro della pace in cui il popolo di Fanes potrà finalmente tornare alla vita.

Animatronica
Il canto della caduta prevede la presenza in scena di personaggi meccanici progettati e realizzati dalla scenografa scenografa Paola Villani, che si inseriscono nella tradizione del teatro di figura ma ne scardinano l'immaginario in quanto la loro movimentazione si basa su tecnologie applicate in animatronica e sull'utilizzo di componentistica industriale.
Il dispositivo costruito per Il canto della caduta, prevede un movimento che parte dalle mani di un'unica attrice ma che attraverso dei joystick meccanici produce la movimentazione di un sistema complesso di leve a cavo.

Il canto della caduta cerca nuove immagini per antichi problemi e attraverso l'antico mito di Fanes, porta nuovamente alla luce il racconto perduto di come eravamo, di quell'alternativa sociale auspicabile per il futuro dell'umanità che viene presentata sempre come un'utopia irrealizzabile. E che invece, forse, è già esistita.

 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Piero Angela al Teatro La Fenice con i segreti del mare

    • 17 dicembre 2019
    • Teatro La Fenice
  • A Venezia parte la stagione Stand Up Comedy: il programma

    • dal 26 ottobre 2019 al 16 maggio 2020
    • Teatro a l’Avogaria
  • I Momix portano Alice nel paese delle Meraviglie al teatro Toniolo

    • dal 12 al 17 novembre 2019
    • Teatro Toniolo

I più visti

  • Fantasmi di Venezia: passeggiate serali in laguna, tra miti e leggende "paurose"

    • dal 31 ottobre 2019 al 31 marzo 2020
    • San Marco
  • Storie sulla pelle: tatuaggi in mostra al museo M9 di Mestre

    • dal 5 luglio al 17 novembre 2019
    • M9
  • Urbanimal | Riapre la fondazione Masieri a Venezia

    • Gratis
    • dal 11 maggio al 30 novembre 2019
    • Palazzina di Fondazione Masieri
  • L'Inferno di Dante all'Arsenale di Venezia con le sculture di Vasily Klyukin

    • dal 8 maggio al 24 novembre 2019
    • Arsenale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento