Indagine sugli argini del Brenta"

Approvata, al'unanimità, nei consigli comunali di Camponoagra, Vigonovo e, Campolongo Maggiore la mzoione sullo stato degli argini del Brenta.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Riceviamo e pubblichiamo: "Anche il Consiglio comunale di Campolongo Maggiore ha approvato ieri sera, 26 settembre, all’unanimità, dopo quelli di Vigonovo e Camponogara, la mozione sull’indagine,- argini del corso del Brenta da Padova a Codevigo, pormossa dal comune di Campolongo Maggiore con la collaborazione del Comitato Intercomunale Brenta Sicuro e di sette amministrazioni locali. L'indagine è stata rilevata in primavera dalle Protezioni Civili di Cadoneghe, Vigonza, Noventa Padovana, Vigonovo, Fosso’ Campolongo Maggiore e Codevigo. Lo studio ha letteralmente “fotografato” lo stato attuale delle arginature soffermandosi sulle tante frane (oltre 200) presenti nei 70 km rilevati (destra più sinistra) oltre che sugli alberi già sul fiume od in procinto di cadervi (oltre 130 punti). Lo studi avvalora l’indagine commissionata dalla regione Veneto, nel 2014, all’Ing Mazzucato che portava a risultanze molto preoccupanti sulla tenuta degli argini in caso di importanti piene. Una situazione di autentico degrado che merita grande attenzione dalla Regione. Domani sera, giovedì 28 settembre, anche il consiglio comunale di Fosso’ discuterà della mozione e, speriamo, approverà il documento. Nei prossimi giorni l’intera documentazione (centinaia di foto, filmati, geolocalizzazione dei punti critici) verrà consegnata all’autorità di bacino, alla regione, ai ministeri per l’ambiente ed alla città metropolitana di Venezia. La pressante richiesta sarà di chiedere le indispensabili e tempestive manutenzioni, per non trovarci alla prima, importante, piena a rimpiangere l'insensata noncuranza per il nostro territorio".

Torna su
VeneziaToday è in caricamento