In bicicletta da Venezia a Torino, ecco il percorso: la VenTo inizia a prendere forma

Martedì a Venezia i tecnici delle Regioni Veneto e Lombardia hanno presentato il progetto della ciclovia che attraversa 4 regioni e 12 province: "Pensiamo già alla promozione turistica"

Foto Facebook (Vento in bicicletta da Venezia a Torino lungo il fiume Po)

Attraverserà 4 regioni, 12 province e 121 comuni, sviluppandosi prevalentemente lungo il corso del fiume Po e collegando Torino a Venezia. È la ciclovia Ven.To, il cui progetto è stato presentato durante un workshop tenutosi martedì a Venezia: il passo precedente era stata la sottoscrizione delle intese tra il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti (Mit), quello dei Beni delle attività culturali e del turismo (Mibact) e le Regioni Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte.

All’incontro hanno partecipato gli assessori regionali ai lavori pubblici e infrastrutture, Elisa De Berti, all’ambiente, Gianpaolo Bottacin e al turismo, Federico Caner e i rappresentanti delle amministrazioni locali interessate, dell’Agenzia Interregionale per il fiume Po e dei Consorzi di Bonifica. Un'occasione per discutere del tracciato della ciclovia ma anche per fare il punto sulle iniziative regionali in materia di “mobilità leggera”. Il progetto è stato illustrato dai tecnici delle Regione Veneto e della Regione Lombardia (capofila), sotto la supervisione scientifica del Politecnico di Milano.

Schermata 2017-02-21 alle 17.58.10-2

“L’obiettivo è di valorizzare al meglio le risorse del territorio – ha detto l’assessore De Berti – sia mediante la realizzazione di nuovi tratti ciclabili, sia adeguando in termini di sicurezza, a tutela di un’utenza debole, quelli esistenti. Abbiamo attivato una serie di iniziative finalizzate a sviluppare i servizi indispensabili a un pieno utilizzo di queste infrastrutture, come ad esempio la possibilità di noleggiare le biciclette oppure di utilizzare il treno come supporto”. 

“Parlare di ciclovie – sottolinea l’assessore Bottacin – significa introdurre anche temi ambientali di fondamentale importanza, in primis quello della qualità dell’aria, aspetto al quale la Regione sta prestando particolare attenzione nella sua programmazione”. “Già in questa fase di progettazione dell’infrastruttura – ha concluso Caner – stiamo  valutando come promuoverla al meglio in termini di offerta turistica, fornendo agli operatori un pacchetto ‘chiavi in mano’ da proporre soprattutto nei mercati nord europei. In questo contesto sarà possibile partecipare a bandi comunitari per il finanziamento di attività artigianali, commerciali ed enogastronomiche, indispensabili per arricchire il percorso e qualificare l’infrastruttura”.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • I lavori per costruire le ciclovie sono più lunghi di quelli autostradali: sono 20 anni che si parla della Torino-Venezia e della Ostiglia-Treviso. Se ne parla, appunto.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Presentati i 2 euro dedicati alla Basilica: "Venezia circolerà in Italia e tutta Europa"

  • Cronaca

    Guida a zig zag e passa col rosso: alla guida con tasso alcolemico 5 volte oltre il limite

  • Cronaca

    Carabinieri sorprendono pescatori abusivi in azione: inseguimento in laguna

  • Cronaca

    Marghera, inaugurata via Gigi Russo: la strada che da ora ricorda il "poliziotto sociale"

I più letti della settimana

  • Piazza San Marco a luci spente per un'ora: sabato 25 marzo scatta l'Earth Hour

  • "Intesa totale" sullo stop alle emissioni delle grandi navi: "Cold ironing? Puntare sul gas"

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento