La "cura verde" funziona: il trapianto di fanerogame risolleva l'habitat lagunare

Giovedì presentazione dei risultati del progetto Life SeResto, coordinato da Ca' Foscari. Coinvolti 400 ettari di fondali: "Aumentata la biodiversità e migliorata la qualità dell'acqua"

Il trapianto di fanerogame in laguna è riuscito. Grazie all’intervento coordinato dall’università Ca’ Foscari Venezia, sono oggi ricoperti di piante acquatiche ben 400 ettari di fondali, con un sensibile aumento della biodiversità ed un miglioramento dello stato ecologico delle aree ripopolate. Lo dicono i risultati finali del progetto LIFE SeResto, cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Life, condotto dall’ateneo in collaborazione con l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra), il Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche e l’associazione Laguna Venexiana Onlus.

"Migliora la qualità dell'acqua e dell'ambiente"

Gli interventi di trapianto delle piante acquatiche sono iniziati nel 2014 e sono stati svolti in massima parte da pescatori, cacciatori e appassionati di voga appositamente formati e assistiti dai partner scientifici. «Il consolidamento e ripristino dell’habitat acquatico lagunare – spiega Adriano Sfriso, coordinatore scientifico del progetto e professore di Ecologia al Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica - sta già contribuendo al raggiungimento del buono stato ecologico dei corpi idrici della laguna più settentrionale favorendo l’aumento della biodiversità e dei servizi ecosistemici forniti da un ambiente lagunare in buone condizioni ecologiche. Ad esempio, sono in corso miglioramenti della qualità delle acque e del ‘sequestro’ della CO2, incrementi della produttività ittica e della presenza aviaria e un ritorno all’uso ricreativo per attività di eco-turismo”. I risultati finali saranno presentati nel corso di un incontro aperto al pubblico in programma giovedì 22 febbraio dalle 10 all’auditorium Santa Margherita di Ca’ Foscari.

Le fanerogame

Le fanerogame marine sono organismi vascolarizzati provvisti di foglie, fusto e radici che vivono sommerse, si riproducono mediante fiori e si diffondono prevalentemente per dispersione di semi. Formano l’habitat ottimale (nursery, rifugio, pascolo) per la macrofauna bentonica ed ittica e aree ristoro per l’avifauna. Favoriscono la sedimentazione, contrastano l’erosione, attenuano il moto ondoso ed intrappolano permanentemente elevate quantità di CO2. Nella Laguna veneta, le praterie di piante acquatiche, gli ingegneri ambientali delle aree lagunari, nelle ultime decadi sono state fortemente danneggiate da varie attività antropiche (sversamento di nutrienti ed inquinanti, sfruttamento delle risorse alieutiche, scavo di canali ed attività morfologiche di vario tipo, ecc…). Recentemente, per vari fattori, tra cui l’emanazione di Decreti Legislativi atti a controllare e limitare queste pressioni, le condizioni ambientali di estese aree della Laguna veneta sono migliorate e divenute di nuovo idonee alla ridiffusione di queste piante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I trapianti

Per accelerare il processo di ricolonizzazione sono state trapiantate Zostera marina, Zostera noltei, Ruppia cirrhosa ed occasionalmente Cymodocea nodosa. Il progetto ha innescato un processo di ricolonizzazione delle praterie di fanerogame acquatiche, soprattutto Zostera marina e Zostera noltei, in 35 siti di piccole dimensioni diffusi in tutta l’area settentrionale della laguna (Sito d’Interesse Comunitario IT3250031 – Rete Natura 2000). Sono state trapiantate 330 zolle (diametro circa 30 cm) tra il 2014 e il 2015 e negli anni seguenti sono stati dispersi nelle aree limitrofe circa 60mila rizomi, ma la maggior diffusione è avvenuta tramite milioni di semi prodotti dalle piante trapiantate e dispersi lungo i margini delle barene e gli argini dei canali da venti e maree. Dove le piante sono presenti dalla prima campagna del 2014, la qualità dello stato ecologico è passata da ‘scarso’ a ‘buono’. I miglioramenti più rapidi sono stati osservati per la vegetazione acquatica con la comparsa e rapida diffusione di alcune specie di elevato pregio ecologico. La fauna sia bentonica (organismi che vivono sul fondale) che nectonica (organismi che nuotano nella colonna d’acqua, pesci) sta migliorando più lentamente ma sono evidenti i segnali di un aumento della biodiversità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento