A piedi lungo il tragitto di Marco Polo: la lunga camminata di Daniele con partenza da Napoli

Un giovane laureato in Antropologia dà il via al progetto "vento della seta": 12mila chilometri "slow" per portare un messaggio di condivisione e umanità. Tappa a Venezia

Dodicimila chilometri a piedi attraverso 9 Paesi lungo quella che fu la via della seta: è l'idea di Daniele Ventola, giovane laureato in Antropologia all'università di Bologna che il primo agosto partirà da piazza del Plebiscito, a Napoli (la sua città) per salire a piedi verso Roma, Firenze, Bologna e Padova e quindi Venezia. Da qui, sempre a piedi, dirigerà i suoi passi in direzione di Zhoukoudian (Pechino, Cina) sulle orme della nuova via della seta proposta dal governo Xin Jinping con l'iniziativa cinese Belt & Road Initiative (2013) rivolta a Russia e Unione Europea.

Viaggio nell'umanità

Il motivo? "Voglio portare un messaggio simbolico - racconta Daniele - Se le nuove rotte commerciali della Belt & Road Initiative sono rivolte al futuro geopolitico ed economico del mondo, lo scopo di Vento della Seta è arrivare a piedi alla meta per integrare l’economico con il culturale, l’ecologico e soprattutto con l’umano. Camminare è il simbolo dell’umanità e della nostra evoluzione; il futuro può essere luminoso solo se scienza ed essenza umana camminano assieme. È per queste motivazioni che ho scelto di concludere il viaggio a Zhoukoudian, che è un sito paleoantropologico dove sono stati ritrovati i resti di un ominide di 750mila anni fa. Zhoukoudian è una culla della nostra civiltà".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Testimonianze dal mondo

Daniele porterà con sé gli strumenti tecnologici che gli permetteranno di documentare come cambiano le culture passo dopo passo, i volti, le architetture, l'educazione, i cibi. Il materiale verrà pubblicato periodicamente online su ventodellaseta.org e gli altri canali del progetto, "per testimoniare come le nuove tecnologie di informazione e comunicazione possono e dovrebbero essere veramente uno strumento di mutua conoscenza, comprensione e sostegno tra i popoli". "Si parla in continuazione di condivisione e connessione - fa presente - ma dall’altro lato vediamo una violenta rinascita di sentimenti e pregiudizi xenofobi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finiscono in acqua dal vaporetto, morte due donne

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Coldiretti Venezia: si raccolgono adesioni per il lavoro in campagna

  • Bollettino serale, registrati tre decessi in provincia

  • Il bollettino Covid-19 del 3 aprile sera: ancora morti, calano i ricoveri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento