Spettacolare esemplare di poiana a Gaggio, ricovero invernale per i rapaci

Lipu: «D'inverno l'habitat dell'entroterra veneziano è povero di siepi e vegetazione e l'Oasi funge da vero e proprio ristorante per alcune specie»

Foto: poiana, archivio Lipu Venezia

L'oasi di Gaggio, nei periodi più freddi, spiega la lega italiana per la protezione degli uccelli, Lipu, ospita diverse specie di rapaci, sia svernanti che in migrazione. Oltre alla Poiana sono presenti il falco Pescatore, il falco di Palude, il falco Pellegrino, il Gheppio, il falco Cuculo, lo Sparviere e altri meno conosciuti come l'Assiolo, piccolo rapace che misura al massimo 17 centimetri di lunghezza.

Le condizioni

La diversità di habitat dell'oasi fornisce le condizioni ideali per la caccia dei rapaci, aree boschive vicine ai laghi, alternate a prati e camminamenti, che danno modo a questi splendidi uccelli di nascondersi per poi laniciarsi a forte velocità e con sorpresa sulle prede.

La poiana

Del più grande rapace presente in Val Padana, a Gaggio ci sono 3 esemplari, che si nutrono anche sfruttando la capacità di sottrarre le prede catturate dal Gheppio, un uccello di dimensioni più piccole. Soprattutto nel periodo invernale si cibano di carogne e di avanzi di uccisioni fatte da altri, e questa è una particolarità della poiana. Normalmente la poiana predilige topi, arvicole, insetti, invertebrati, rettili, anfibi e piccoli uccelli tra cui il Prediletto, che cattura facilmente, ma non disdegna neppure le gallinelle d'acqua, gli storni, i colombacci, le tortore selvatiche, le ghiandaie, e altri. Dalle tracce sul suolo si stima che almeno 6/8 colombi di città vengano uccisi nell'oasi di Gaggio ogni giorno, e per tutto l'anno, sempre a seguito della caccia dei rapaci.

L'inverno

È il periodo senz'altro più difficile per i volatili, il cibo scarseggia, le temperature si abbassano, trovare prede è un'impresa, l'habitat dell'entroterra veneziano è povero di siepi e vegetazione. Ma per fortuna l'oasi di Gaggio rappresenta una risorsa, un vero e proprio ristorante per i rapaci, che regolano in modo naturale le specie e vengono considerati, a torto, infestanti o in sovrannumero.

Potrebbe interessarti

  • Consigli anti stress per il rientro dalle vacanze

I più letti della settimana

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: 23enne recuperato morto

  • Confermati temporale e grandine, nel Veneziano crolleranno le temperature

  • Incidenti sul Passante: una Ferrari incastrata sotto un camion

  • Schianto in autostrada, morta una 22enne

  • Dalla pesca al furto: denunciati ragazzi veneziani

  • Scivola e batte la testa, escursionista veneziano portato all'ospedale

Torna su
VeneziaToday è in caricamento