Marzo con piogge, maltempo e forse neve: "Non escluso un colpo di coda dell'inverno"

Le previsioni indicano il persistere del maltempo in Italia, almeno nella prima metà del mese. Più incerti i dati sul lungo periodo, ma "potrebbe arrivare il Burian bis"

I modelli delle previsioni meteorologiche non confermano ancora con assoluta certezza la nuova ondata di maltempo attesa per l'equinozio di primavera. Eppure su vari siti si parla già di "Burian bis, l'aria gelida dalla Russia pronta a riversarsi sull'Italia dal 20 marzo, accompagnata da fronti perturbati, con neve in pianura sulle regioni settentrionali", come si legge su Il Meteo.

Ancora freddo a Pasqua

Che non è l'unico a descrivere il probabile "colpo di coda dell'inverno anche intenso sulla nostra Penisola, per la seconda metà di marzo", come fa il Centro Meteo Italiano, che sottolinea inoltre come in gran parte della prima metà del mese potremmo vedere "un'alternanza di piogge e brevi pause asciutte". Non è tutto. Di "Pasqua e Pasquetta con neve e gelo in pianura" parla ancora Il Meteo, spiegando che sarà colpa dello "Strat warming", e che ricorderà il gelido gennaio 1985, causato da uno degli ultimi surriscaldamenti della stratosfera (stratwarming), che aveva spaccato in due il vortice polare, favorendo la discesa di masse d'aria gelida verso l'Italia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Estate piovosa

"Ebbene - prosegue Il Meteo -, succederà la stessa cosa con lo stratwarming del febbraio 2018, uno dei più potenti degli ultimi 30 anni, che mostrerà i suoi effetti anche per tutto il mese di marzo e aprile, se non addirittura fino a compromettere l'estate, che si preannuncia zoppicante e piovosa, stile montagne russe. La nostra previsione per Pasqua e Pasquetta indica la concreta possibilità di irruzioni polari capaci di riportare l'inverno sul nostro Paese, mietendo nevicate a bassissima quota se non in pianura". Insomma, "l'anticiclone delle Azzorre potrebbe veramente tardare ad arrivare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento