Biblioteche, sindacati e Comune ricominciano a intendersi

Mercoledì il tavolo di confronto tra Amministrazione, Rsu e sindacati Fp Cgil, Csa Ral e Uil Fpl. Mobilità del personale, indennità, formazione, monitoraggio sull'appalto fra i temi caldi. «C'è impegno formale»

Biblioteca Vez, archivio

Si ricompone, almeno per ora, lo strappo fra sindacati e Comune sulle biblioteche. Le sigle Fp Cgil, Csa Ral e Uil Fpl hanno manifestato soddisfazione al tavolo di mercoledì, per l'impegno formale, assunto dall'amministrazione, a valutare alcune partite calde sul personale, nonostante sull'esternalizzazione dei servizi la distanza resti massima. «Deve essere arrestata - per i sindacati - anzi, si rivedano le scelte assunte per ritornare ad una completa offerta pubblica del servizio». «Tutto quello che stiamo facendo è rilanciare il settore bibliotecario - commenta l'assessore alla Coesione Sociale Simone Venturini - investendo in libri e tecnologia, aumentando gli orari di apertura e la qualità dell'offerta. I lettori sono in crescita e questo a conferma delle scelte fatte». 

I temi messi a verbale

Intanto l'amministrazione si impegna a verificare le richieste di mobilità dei dipendenti, verso altre biblioteche della rete, evitare spostamenti che creano eccessivi disagi al personale, mantenere le indennità in essere per lo stesso servizio, e per coloro che lo ricoprono, fare formazione, accogliere eventuali richieste di uscita dal servizio che mettano in difficoltà la tenuta dello stesso, valutare alternative per garantire la copertura del sabato pomeriggio alla Vez Junior, istituire un tavolo di monitoraggio sull’appalto, con cadenza quindicinale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

Torna su
VeneziaToday è in caricamento