Comune, approvato il rendiconto 2016: "Domani in giunta la delibera sul cash pooling"

Ca' Farsetti intende accentrare i flussi di cassa anche delle partecipate, per migliorarne il controllo. Disavanzo diminuito di 11 milioni di euro. Problemi soprattutto per la liquidità

Dopo la relazione dei revisori dei conti di mercoledì in commissione, il rendiconto della gestione 2016 del bilancio del Comune di Venezia è stato approvato dal Consiglio comunale giovedì. Non senza una punta d'orgoglio da parte dell'assessore al Bilancio, Michele Zuin, che ha sottolineato come dai revisori "sia stata confermato un notevole miglioramento dal punto di vista economico. Nei due anni in carica siamo riusciti a diminuire il disavanzo di amministrazione da 72 milioni a 62,9 milioni di euro. In più il fondo rischi è stato incrementato, portandolo a 26,6 milioni di euro". 

Come già annunciato nelle scorse settimane, l'indebitamento del Comune è diminuito di 11 milioni di euro, passando a 308 milioni di euro. Mentre per la prima volta il conto economico è passato da -22,5 milioni a +9 milioni. Un miglioramento di circa 32 milioni di euro. "Nei crediti di dubbia esigibilità c'è stata copertura integrale delle esigenze, anche se la norma nazionale permetterebbe di coprirli solo al 55% - ha continuato Zuin - Per il 2016 sono stati accantonati 17 milioni di euro". 

Di fronte agli effettivi dati positivi, però, restano alcune ombre. Del resto il percorso del risanamento è lungo e non può che procedere a tappe: "Resta un problema finanziario di cassa cui stiamo ponendo rimedi con interventi puntuali sui rapporti con le aziende partecipate - ha sottolineato l'assessore Zuin - utilizzeremo il cash pooling e domani la relativa delibera andrà in giunta". In definitiva uno dei problemi principali da affrontare per il Comune è la liquidità di cassa, con cui poi pagare fornitori e lavoratori. Per questo motivo si accentreranno le risorse delle partecipate tutte in un'unica cassa, in modo da avere a disposizione maggiori margini di manovra. 

"Ci sono alcune indubbie note positive - ha commentato il capogruppo del Movimento Cinque Stelle, Davide Scano prima della votazione - ma ci sono anche tante azioni che si sarebbero dovute poste in essere in materia di riorganizzazione della macchina comunale, ma soprattutto delle Partecipate. E' lì che si deve puntare".
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti