Provincia di Venezia addio, Venezia sarà città metropolitana dal 2013

La titolare di Ca' Corner Francesca Zaccariotto annuncia ricorso. Il primo "sindaco" di questa nuovo Ente sarà Giorgio Orsoni: "Nuova pagina tutta da scrivere, al Paese servono scossoni"

Ca' Corner, sede della Provincia di Venezia

C'è anche Venezia tra le dieci Province che dal 1 giugno 2013 saranno soppresse e si trasformeranno in città metropolitane. Nella bozza più recente del decreto di governo in materia di spending review figurano anche le province di Roma, Torino, Milano, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli e Reggio Calabria.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una mezza rivoluzione. Il territorio della città metropolitana, infatti, coinciderà con quello della provincia soppressa. Gli organi rappresentativi saranno il Consiglio e il sindaco metropolitani. I membri del Consiglio sono eletti tra i sindaci dei comuni dell'area. Il primo cittadino della città metropolitana sarà il sindaco della città capoluogo, quindi Giorgio Orsoni.

Il Consiglio provinciale di Ca' Corner, eletto nel 2009, concluderà i propri lavori un anno prima del proprio mandato. Dopodiché si aprirà una fase nuova sia per i territori in gronda, sia per quelli di terraferma. Ma il presidente della Provincia Francesca Zaccariotto non ci sta e annuncia di ricorrere al Tar per violazione della Costituzione. "Il personale rimarrà lo stesso - afferma - mi spieghino come si fa a risparmiare così". Venerdì dovrebbe essere presentato il decreto sulla spending review, giudicata peraltro "deludente" dal primo cittadino di Venezia, rappresentante Anci per i comuni delle città metropolitane. Secondo Orsoni "questo Paese ha bisogno di scossoni radicali".

E su quanti tra i primi cittadini della provincia esprimono dubbi sul fatto che sia indicata una supremazia "per decreto" del titolare di Ca' Farsetti, il sindaco veneziano ribatte che "è il capoluogo che coordina, non ci sarà nessuna subalternità".

La città metropolitana assumerà i compiti della Provincia e anche la gestione di alcuni ambiti ora appannaggio della Regione. Nella bozza di decreto infatti si legge che avrà ruoli di "pianificazione territoriale generale e delle reti infrastrutturali; strutturazione di sistemi coordinati di gestione dei servizi pubblici, organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito metropolitano; mobilità e viabilità; promozione e coordinamento dello sviluppo economico e sociale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento