Carenza di medici, Zaia: «La causa non è quota 100 ma la mancanza di programmazione»

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Torna a parlare di quota 100 e della mancanza di medici in tutto il territorio e nel Paese, il presidente della Regione Luca Zaia, «a breve mancheranno 56 mila medici in Italia e questo si deve soprattutto alla mancanza di programmazione - dice Zaia -. Il numero chiuso a Medicina ha peggiorato la situazione. Una volta si diceva ai diplomati di non scegliere questa facoltà perché non avrebbe offerto sbocchi lavorativi, oggi siamo a corto di personalre sanitario. Dobbiamo pensare - continua - che molti medici dovranno essere messi nella condizione di lavorare anche prima della specializzazione. Mentre per quei professionisti che si trovano costretti ad andare in pensione, dovremo lavorare attraverso accordi per fare in modo che possano andarci qualche anno più tardi. È vero che molti medici vanno all'estero, dopo aver ricevuto una eccezionale preparazione qui, ma il mercato funziona attraverso la regola della domanda e l'offerta. Se l'offerta resta alta bisogna fare in modo che anche la domanda interna aumenti».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Cronaca

    Due o tre "capetti" alla guida delle bande. «Sappiamo chi sono. Serve dialogo, ma anche repressione»

  • Cronaca

    Omicidio a Castello: la coltellata, il cartello sulla porta e la chiamata della badante | VIDEO

  • Attualità

    La cerimonia per 862 neolaureati di Ca' Foscari a San Marco | VIDEO

  • Mestre

    Il racconto del negoziante: «Mi hanno preso per il collo e hanno picchiato il mio collega»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento