Fronte unico per il centrodestra a Venezia: Maika Canton in Fratelli d'Italia

Una coalizione con due civiche e tre partiti. Appoggio al sindaco Brugnaro. Obiettivo il Comune e tutte le Municipalità. «Zaccariotto non risulta». Breve ma significativo il saluto di Donazzan

Foto Facebook della conferenza a Mestre

Si apre con una novità, la conferenza stampa a presenze contingentate di Fratelli d'Italia, oggi venerdì 6 marzo, all'hotel Ambasciatori di Mestre. Al tavolo il dirigente nazionale Raffaele Speranzon, il coordinatore regionale, onorevole Luca de Carlo, e il coordinatore della città di Venezia Fabio Raschillà. La novità è l'adesione al partito della consigliera comunale Maika Canton, della civica dell'assessore Renato Boraso. «Per Fratelli d'Italia essere a Venezia significa allargare il progetto politico - dice De Carlo - la sfida è mostrare il nostro legame con il territorio».

La «coerenza e la correttezza dell'onorevole Giorgia Meloni, sono state un elemento non indifferente nella fase di riflessione, prima dell'adesione al progetto - dice Canton. E senza dubbio si tratta di una opportunità di crescita in ambito politico», dichiara la consigliera. Mi ricandido in Consiglio comunale, perché c'è molto da fare - afferma - specie ora, stando vicino ai cittadini in difficoltà e alle imprese stremate, prima per l'alluvione, ora per il coronavirus. Serve sbloccare gli ammortizzatori in deroga, anche per le attività più piccole, come sta dicendo Fratelli d'Italia a livello nazionale. Ringrazio tutti e spero di poter essere parte della crescita del partito».

Ringrazia Boraso, Maika Canton. «I nostri rapporti sono rimasti ottimi, ho discusso questa mia scelta con lui prima di tutto, e non si è opposto al mio desiderio di crescere politicamente. Tra l'altro c'è una sua lista solo a Favaro, a sostegno del presidente uscente Marco Bellato». Si lavora alla lista, spiega Raschillà, «le competenze le abbiamo, noi le chiamiamo "campioni" e le candidature saranno definitive quando le presenteremo. Con il sindaco Brugnaro abbiamo avuto diversi incontri, tutti cordiali. Fratelli d'Italia appoggia il sindaco, e l'accordo sarà un accordo di coalizione, ma faremo delle richieste», potrebbero essere relative agli ambiti che per il partito rappresentano i cavalli di battaglia, come la sicurezza. «La coalizione - dichiarano Speranzon e Raschillà - sarà composta da due civiche, la Fucsia del sindaco e la lista di Roberto Panciera, e tre partiti: Forza Italia, Fratelli d'Italia e la Lega. «Cinque anni fa fu più difficile, perché la Lega si aggregò solo in un secondo momento a Venezia - dice Canton - Oggi le prospettive sono diverse». E riguardano non solo il Comune ma tutte le Municipalità: «Ci muoveremo come coalizione, chiaro che vanno messe le persone adatte nelle posizioni adatte. Il processo decisionale a livello decentrato sarà più fluido, e coerente con quello comunale», precisa De Carlo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'onorevole e coordinatore regionale esclude infine che ci sia una ufficialità della presenza dell'assessore Francesca Zaccariotto in FdI. Dice De Carlo «Zaccariotto è un fattore, ma dall'essere un fattore a essere un fattore di FdI, c'è una differenza. Il bilanco della gestione Brugnaro - afferma - è stato più che positivo. Il centrodestra deve dare un bel segnale di unità. Non ha senso spaccare in un posto dove se il centrodestra va unito, vince. Questa è la linea del partito del coordinatore regionale. Un partito che è una comunità da sempre». Breve ma significativo il saluto di Elena Donazzan alla conferenza. «Mi ha fatto davvero molto piacere», ha detto Canton.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finiscono in acqua dal vaporetto, morte due donne

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Coldiretti Venezia: si raccolgono adesioni per il lavoro in campagna

  • Bollettino serale, registrati tre decessi in provincia

  • Il bollettino Covid-19 del 3 aprile sera: ancora morti, calano i ricoveri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento