Promossi i progetti dei distretti commerciali, 9 milioni in più dalla Regione

Altri finanziamenti per combattere il dramma dei negozi chiusi nei centri cittadini, attraverso lavori pubblici, interventi urbanistici, intrattenimento e innovazione

Negozio, archivio

Sono tante, diversificate, di natura economica, fiscale, ma anche di intrattenimento, tempo libero e svago, le iniziative per combattere lo spopolamento dei negozi nei centri cittadini. La Regione Veneto ha promosso tutti i progetti che sono stati presentati nei mesi scorsi dai distretti del commercio, che coinvolgono complessivamente 111 Comuni in tutto il Veneto, e ha deciso, attraverso l'assessorato allo Sviluppo economico di Roberto Marcato, di aumentare da 5 a 14 milioni di euro i finanziamenti a sostegno delle iniziative e lo scorrimento, fino a esaurimento, della graduatoria già approvata dei progetti presentati dai Comuni nell’ambito di un bando destinato ai 58 Amministrazioni che hanno già ottenuto il riconoscimento dei “distretti del commercio”. «Questa è la risposta al dramma dei negozi che chiudono nei centri –  sottolinea l’assessore  – Finanziamo tutti i progetti presentati da 57 distretti del commercio, destinati a sostenere il rilancio del nostro commercio nei centri urbani, contribuendo in questo modo a combattere il fenomeno della desertificazione delle città». Le risorse a favore delle amministrazioni comunali serviranno a sostenere investimenti che ammontano a più del doppio del contributo assegnato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa viene finanziato

I progetti finanziati, della durata di 18 mesi, coordinati da un manager per ogni distretto prevedono, in particolare, interventi finalizzati a: riqualificare gli immobili pubblici e gli spazi destinati al commercio (realizzazione di aree attrezzate per lo svolgimento di mercati); favorire il miglioramento del contesto ambientale, il risparmio energetico, la raccolta differenziata di rifiuti e proporre soluzioni per una migliore sostenibilità; sistemare il contesto urbano in termini di arredo, illuminazione, verde pubblico, servizi aggiuntivi di pulizia e sicurezza, adottare misure urbanistiche finalizzate a migliorare l’accessibilità, la fruibilità commerciale e turistica dei luoghi e lo sviluppo della mobilità sostenibile, servizi di accesso “car free” all’area distrettuale, nuove isole pedonali, aree per la sosta e il parcheggio di cicli e motocicli, abbattimento di barriere architettoniche; progetti per il miglioramento della distribuzione e della logistica delle merci in ambito urbano, finalizzati a una regolamentazione qualitativa dell’accesso ai centri storici e urbani, bandi, processi e concorsi di idee su riqualificazione e rigenerazione urbana, valorizzazione economica e commerciale locale; itinerari di attrattività per la comunicazione e l’animazione del distretto, coinvolgendo tutte le categorie economiche e gli operatori per migliorare i servizi legati all’accoglienza turistica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento