Attività tradizionali veneziane, la Lega chiede indicazione del luogo di produzione

Emendamento a firma Silvana Tosi e Giovanni Giusto sulla proposta di delibera per regolamentare gli esercizi, perché siano compatibili con il patrimonio culturale cittadino

San Marco

Attività tradizionali veneziane da proteggere, paccottiglia da scoraggiare e allontanare, specie in centro storico, Rialto e San Marco, ma anche nel resto della città. Da mesi la discussione tiene banco, l'ultima seduta in Consiglio comunale il 16 settembre scorso: prosecuzione dell'esame della proposta di deliberazione sulle misure di regolamentazione degli esercizi, ai fini della loro compatibilità con le esigenze di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale. La Lega di Silvana Tosi e Giovanni Giusto vuole «l'indicazione del luogo di produzione del prodotto, espressamente in vetrina, con legenda visibile, estesa a tutto il territorio comunale, come definito dagli articoli 22 e 23 della legge regionale dell'8 ottobre 2018».

Produzione locale

«Tale richiesta di indicazione del luogo di produzione del prodotto - si legge nell'emendamento, riguarda - qualsiasi negozio di attività artigianale, artistica, tipica, tradizionale locale». «Mi auguro - commenta Tosi - che avrà il consenso della maggioranza e della minoranza perché potrebbe diventare uno strumento utile e deterrente per la contraffazione, ma anche uno stimolo di controllo per contrastare il mercato del falso. Ricordo che, ad esempio, si presume che il 70-80%  del vetro artistico venduto come Murano glass, non sia prodotto a Murano». «Quello che ha origine in città va tutelato perché Venezia rimanga viva - commenta il consigliere delegato alle Tradizioni Giovanni Giusto - e serve a garantire la continuità della produzione e la sopravvivenza di chi produce. E non si possono tutelare solo San Marco e Rialto. Allarghiamo il buon turismo solo creando qualità e mestieri che oggi sono in fase di estinzione. L'artigianato veneziano è Venezia. E non mi riferisco solo al vetro di Murano».

Categorie ammesse

Nella proposta di delibera, del 26 luglio scorso, Comune e associazioni hanno cercato di mettere nero su bianco i settori ammessi nelle aree centrali della città, in fatto di nuove aperture (anche per trasferimento): commercio al dettaglio e produzione del settore di moda di alta gamma, librerie, gallerie d’arte e antiquari, arredamento e design, commercio e produzione di oggetti preziosi, commercio di orologi di alta gamma, commercio e restauro di oggetti d’arte, cose antiche o articoli d’antiquariato, articoli di numismatica e filatelia, artigianato artistico, tipico, tradizionale e storico. «Il provvedimento si aggiunge al nostro stop ai take away e alla vendita di paccottiglia, misura recepita dalla Regione, alla nuova regolamentazione delle attività di somministrazione di alimenti e bevande, estendendo le 'microzone' del territorio, e al blocco del rilascio di permessi di ampliamento o di nuove concessioni di suolo pubblico, misura che abbiamo reiterato - ha detto l'assessore Zuin -. Mi appello ai consiglieri regionali - ha concluso - per un'approvazione definitiva e veloce della delibera, in modo che diventi il più presto possibile effettiva. Il testo - ha concluso - è il frutto di una serie di confronti anche con le associazioni di categoria, si tratta di un documento sostanzialmente condiviso».  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

  • Auto fuori strada, morto un uomo

  • Lite finisce nel sangue: 37enne accoltella l'ex suocero

Torna su
VeneziaToday è in caricamento