Muore la Provincia, Zaccariotto furiosa: "Questo è un pasticcio"

Col ddl Delrio il 1 gennaio 2015 nasce la città metropolitana. Ca' Corner senza poteri. Tutto passa nelle mani del sindaco di Venezia Orsoni

Ca' Corner, sede della Provincia

Arriva la città metropolitana. Muore la Provincia. Con tutte le polemiche che ciò comporta. Il ddl "Delrio" (o "svuota province") approvato al Senato e che si appresta a ottenere l'ok della Camera entro la prossima settimana ha di fatto sancito la staffetta che entro il 1 gennaio 2015 ci sarà anche in laguna. Fino alla fine dell'anno i poteri del Consiglio di Ca' Corner dovrebbero passare nelle mani della presidente Francesca Zaccariotto, che però avrà la possibilità solo di gestire in modo provvisorio l'Ente. Tradotto: si pagano solo stipendi e utenze, per il resto mani legate. E lo si farà gratis, visto che a maggio scadrà il mandato naturale.

Il problema politico, come riportano anche i quotidiani locali, è che in questo modo la Provincia viene estromessa dalla gestione del passaggio alla città metropolitana. Chi invece ne esce rafforzato è il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, che entro il 30 settembre dovrà indire le elezioni per il Consiglio metropolitano. Non saranno però elezioni in cui verranno chiamati in causa i cittadini. I voti (ponderati in base alla popolazione dei vari comuni) arriveranno tra i sindaci e i consiglieri comunali in carica. Andranno a formare l'assemblea composta dal sindaco metropolitano (Orsoni) e diciotto altri consiglieri.

Entro il 1 gennaio, però, dovrà anche essere messo nero su bianco lo statuto del nuovo Ente. Per redarlo, quindi, dovrà essere messa a punto anche la Conferenza metropolitana: sarà formata dal sindaco metropolitano e dagli altri primi cittadini della provincia.

Inevitabili i mal di pancia da parte della presidente della Provincia Francesca Zaccariotto, che si aspettava di avere voce in capitolo nella futura costituzione della città metropolitana, visto e considerato che beni mobili e immobili, dipendenti e territorio passeranno da una parte all'altra della barricata. Per questo a caldo si è anche paventata in Giunta provinciale la possibilità di dimissioni in blocco. Ma una decisione non sarebbe ancora stata presa in tal senso. Fatto sta che secondo la titolare di Ca' Corner i prossimi mesi saranno un caos istituzionale. "Un pasticcio", lo definisce lei.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento