venerdì, 22 agosto 17℃

L'Arsenale torna a Venezia, Orsoni: "Un momento storico per tutta la città"

Il primo cittadino lagunare ha espresso soddisfazione per la norma inserita nel decreto sulla spending review: "Palais Lumiere? Critiche esagerate. Grandi navi in Bacino? Sono contrario"

La redazione 1 agosto 2012
1

“Il trasferimento dell’Arsenale al Comune è un esempio unico e di grande rilevanza del come si può attuare concretamente un vero federalismo demaniale”. Non ha nascosto la sua soddisfazione il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni che stamattina in conferenza stampa a Ca’ Farsetti ha salutato gli operatori dell’informazione prima della pausa estiva. Occasione per tracciare un bilancio e per delineare gli obiettivi sui quali lavorare alla ripresa della piena attività.

Fra gli obiettivi raggiunti nelle ultime settimane, quello, appunto, di aver seguito di persona l’iter normativo per il trasferimento dell’Arsenale di Venezia al Comune. Il decreto è passato in Senato e attende la conferma alla Camera prima di trasformarsi in legge dello Stato. “Attendiamo la conclusione dell’iter, ma questa è una norma importante – ha continuato Orsoni – un momento storico per tutta la città che chiedeva da sempre il trasferimento del complesso storico. Siamo soddisfatti anche per l’auspicata permanenza della Marina, un simbolo importante che darà ancora più ricchezza all’Arsenale. Una operazione virtuosa – ha detto ancora – anche perché i canoni che saranno trasferiti alla società di gestione serviranno per finanziare il recupero delle parti non ancora sistemate costituendo una provvista stabile per fermare il degrado di parte degli edifici e disegnarne il recupero. Ragioneremo dei progetti sull’area – ha spiegato il sindaco – ma partiremo dalle nostre previsioni urbanistiche”


Da mettere in “bilancio” della Giunta veneziana anche il decreto sulle Città metropolitane, un lavoro seguito direttamente dal sindaco in qualità di responsabile Anci delle Città metropolitane e condiviso dalla Giunta: “Una conquista democratica, una grande innovazione”, ha commentato.  

Orsoni ha anche annunciato che in queste ore si sono conclusi i lavori per la copertura di una parte del piazzale del Casinò a Lido, e si sta dando l’avvio ai lavori sulle strutture esistenti e sulla viabilità, che saranno conclusi in tempo per la Mostra del Cinema di fine agosto: “Era un impegno che questa amministrazione aveva preso e che sta  mantenendo. Affronteremo poi a settembre il progetto complessivo”, ha aggiunto Orsoni.

Il sindaco, affiancato dagli assessori della Giunta, ha anche ricordato che nell’ultima settimana è stata sottoscritta la convenzione sull’M9 a Mestre, firmato l’accordo per la realizzazione del nuovo multiplex al Candiani, e chiusa l’intesa su Galleria Barcella e il passaggio sul Toniolo: “Questi interventi, insieme all’abbattimento della Vecellio e il lavoro già iniziato su via Poerio e sull’emeroteca, esprimono l’attenzione che abbiamo per questa parte di città. Ci attendiamo la rinascita del centro di Mestre. Proprio oggi in Giunta - ha spiegato Orsoni – abbiamo ragionato sul trasferimento del mercato in Piazza Barche sottolineando l’attenzione che ci sarà per la tutela del verde esistente. A settembre chiuderemo anche quella partita”.


Il sindaco ha anche colto l’occasione per intervenire sul Palais Lumiere: “Una proposta che abbiamo il dovere di affrontare per tutte le positività che può portare. Accolgo le critiche – ha detto - ma credo non si debbano esasperare le problematicità usando la città di Venezia. Venezia va tutelata in tutti i modi, ma ricordo che il luogo scelto per il Palais è Marghera, a 20 chilometri dal centro: invito a una maggiore pacatezza del dialogo per non arrivare a dover affrontare uno scontro su cose che non esistono”.

Annuncio promozionale


Orsoni ha anche ribadito il no dell’Amministrazione al passaggio delle grandi navi in Bacino di San Marco: “Siamo da sempre contrari e abbiamo invitato a lavorare su altre soluzioni. La competenza non è nostra ed è questo uno dei casi in cui subiamo le scelte imposte da altri”.

Giorgio Orsoni
Arsenale
grandi navi
Lido
Orsoni
Palais Lumiere

1 Commenti

Feed
  • Avatar di Comitato Ultimi Veri Venexiani

    Comitato Ultimi Veri Venexiani Pensiamo che tutto ciò non è vero ! Alla fine l'intero Arsenale sarà destinato a Museo del Mare e ulteriore attrazione turistica dove al suo interno verranno vomitati migliaia di turisti dalla sub-lagunare e il cui introito sarà fagocitato dal socio di maggioranza di Arsenale SpA ovvero l'Agenzia delle Entrate di Roma.

    il 10 agosto del 2012