Passeggiate del Pd per incontrare i cittadini: prima tappa a Campalto

«Il progetto nasce dalla volontà di essere presenti nei quartieri e nel territorio per conoscere da vicino la realtà dell’abitare quotidiano»

Foto: Partito Democratico a Campalto

Incontrare cittadini, residenti, negozianti. Ascoltare, vedere, captare. Azioni che il Partito Democratico veneziano ha deciso di intraprendere compiendo delle passeggiate nei quartieri. La prima di queste si è svolta nei giorni scorsi giorni a Campalto. «Il percorso di conoscenza diretta delle problematicità presenti si è snodato da passo Campalto al villaggio Laguna - scrive il Pd -. Guidati dal segretario del circolo locale, Lionello Pellizzer e da molti degli iscritti, un folto gruppo di democratici, tra i quali i consiglieri comunali Monica Sambo ed Emanuele Rosteghin, il deputato Nicola Pellicani, i consiglieri della Municipalità Alessandro Baglioni e Paolo Vettorello, ha attraversato gli spazi del quartiere, riscontrando direttamente quali siano le difficoltà quotidiane degli abitanti, ma anche le potenzialità presenti. Gli esponenti del Pd hanno incontrato alcuni commercianti e numerose associazioni».

Affitti

«La passeggiata ha incrociato il sedime dell’ex Vetrital, che il piano integrato di Campalto, attualmente in stallo, prevedeva fosse dedicata ad attività commerciali e ricettive - scrivono gli esponento del partito -, per arrivare all’area degradata del cantiere Marchi al passo Campalto: area che riteniamo dovrebbe essere riconsegnata alla fruibilità dei cittadini. Siamo poi arrivati al Villaggio Laguna, che oggi ha meno di duemila abitanti contro i 4000 del passato. Il primo problema riscontrato è il rischio di chiusura dell’unico negozio di alimentari presente, a causa degli alti affitti richiesti da Ater. I negozi adiacenti, anch’essi di proprietà Ater, sono già chiusi o in grave difficoltà».

Associazioni

«Abbiamo incontrato le associazioni che hanno sede in quelle zone», scrive il Pd, le quali affermano: «Auser paga 4.000 euro annui al Comune, che ha una convenzione con Ater. L’associazione ‘Blog-Territori E Paradossi’ ha dovuto cessare le attività dei corsi di informatica tenuti alla Pascoli, a causa della chiusura del secondo piano. Gli iscritti all’associazione temono che, non facendo più i corsi, sia richiesto loro un affitto che non sarebbero in grado di pagare».

Le istituzioni

«Le associazioni che abbiamo incontrato lamentano rapporti inesistenti con la Municipalità di Favaro Veneto - continua il partito -, problema acuito dalla scarsissima attenzione dell’amministrazione comunale verso i bisogni degli abitanti e dei gruppi». Il progetto delle passeggiate urbane, organizzato dalla segreteria comunale Pd, continuerà con altri appuntamenti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale drammatico a Noventa di Piave: morti tre ragazzi

  • Poca neve a Venezia, poi la pioggia

  • Scontro a Stigliano di Santa Maria di Sala, morta una ragazza

  • Contro un albero e giù nel fosso: muore un 43enne

  • Violento scontro fra furgone e trebbiatrice sulla Triestina

  • Infermiere preso a calci e pugni da un paziente: si dovrà operare

Torna su
VeneziaToday è in caricamento