giovedì, 18 settembre 17℃

Scontro Cacciari-Clini: "L'ex sindaco dov'era quando a Marghera si moriva"

Il ministro risponde alle frasi dell'ex primo cittadino, secondo cui non avrebbe mai fatto polemica contro i grandi gruppi industriali: "Solo un tentativo di screditarmi nei giorni della questione Ilva"

La redazione 18 agosto 2012
2

Parte dalle forti analogie tra la situazione dell'Ilva di Taranto e quella dell'ormai ex polo chimico di Porto Marghera la polemica a distanza tra il ministro dell'ambiente Corrado Clini e l'ex sindaco di Venezia Massimo Cacciari.

"Sull'Ilva Clini non dice tutto ciò che sa", aveva affermato, tra l'altro, nei giorni scorsi Cacciari in un'intervista al sito online 'Lettera 43', accusando poi Clini - per lunghi anni medico dell'ambiente a Marghera - di essere in sostanza troppo morbido con i grandi gruppi industriali: "Clini in quanto 'potente' non farà mai una polemica in vita sua. Non l'ha fatta con l'Eni e non la farà con l'Ilva".

Oggi la replica di Clini, affidata a una lettera inviata allo stesso sito online e pubblicata anche da 'Il Gazzettino'. "Per chi mi conosce - scrive Clini -, l'intervista di Cacciari appare per quello che è: un maldestro tentativo di screditarmi e forse di intimidirmi nel momento in cui sono impegnato nella difficilissima situazione dell'Ilva di Taranto".

Clini chiede inoltre "dov'era Cacciari, allora parlamentare veneziano, quando come medico del servizio pubblico di medicina del lavoro denunciavo a centinaia le malattie professionali dei lavoratori di Porto Marghera, difendevo le loro ragioni contro le imprese e l'Inail, imponevo alle imprese impegnative e costose misure di prevenzione?". Il ministro insiste chiedendosi dove fosse il filosofo veneziano, "quando ripetutamente e pubblicamente - ricorda - chiedevo alle amministrazioni locali di organizzare la sanità pubblica per la prevenzione delle malattie e la diagnosi precoce dei tumori causati dall'inquinamento ambientale, piuttosto che costruire ospedali?".

O, ancora - prosegue Clini - "quando presentavo le denunce alla procura della repubblica per le morti da tumore del fegato provocate dal cloruro di vinile monomero?. Dov'era Cacciari, allora sindaco di Venezia - aggiunge - quando ho testimoniato per l'accusa nel processo avviato da Felice Casson contro Enichem, e ho richiamato i ritardi delle amministrazioni pubbliche per la prevenzione dell'inquinamento? Se allora avesse 'battuto un colpo', forse avrebbe potuto dare un contributo positivo per la protezione della salute dei lavoratori di Porto Marghera, e forse anche per il futuro industriale di quel sito".

Infine la replica all'attacco politico di Cacciari nei suoi confronti, quando nell'intervista ricordava che Clini a Marghera "prima che come medico, era un aiutante di Gianni De Michelis". "Evidentemente - risponde il ministro - il comunista-potereoperaista Cacciari non poteva rischiare di condividere l'impegno e le battaglie di un medico del lavoro che aveva la colpa di essere un militante socialista della corrente della sinistra di Riccardo Lombardi. Per fortuna a Taranto non c'é Cacciari". (Ansa)
 

Annuncio promozionale

Corrado Clini
Marghera
Massimo Cacciari
ministro dell'Ambiente Clini
polemiche
Porto Marghera

2 Commenti

Feed
  • Avatar anonimo di TISONE

    TISONE Le affermazioni di Cacciari, il "puro", l'unico "incontaminato" dal contatto con i poteri forti, colui che si è sempre dimostrato dis-locato quando c'era da prendere davvero posizione, fanno oltre che arrabbiare anche sorridere. Ma questo certo non consente a Clini di convalidare le sue attuali azioni di governo richiamando la propria militanza nella sinistra lombardiana... entrambi poco credibili...

    il 21 agosto del 2012
  • Avatar di Comitato Ultimi Veri Venexiani

    Comitato Ultimi Veri Venexiani Mamma mia.... come siamo ridotti noi cittadini (s)venduti per due denari dalle scelte nefaste della becera politica. Il problema è che in questo paese (da quarto mondo) non si è mai provveduto stendere un piano strategico industriale territoriale, ne tanto meno ricognizioni pubbliche epidemiologiche nelle aree industriali, ma si è permesso (per demenza o vile denaro) insediare fabbriche altamente tossiche come quella di "FOSGENE" in prossimità di centri altamente residenziali come (Mestre - Marghera - Venezia -Lido).

    il 18 agosto del 2012