Scontro Cacciari-Clini: "L'ex sindaco dov'era quando a Marghera si moriva"

Il ministro risponde alle frasi dell'ex primo cittadino, secondo cui non avrebbe mai fatto polemica contro i grandi gruppi industriali: "Solo un tentativo di screditarmi nei giorni della questione Ilva"

Parte dalle forti analogie tra la situazione dell'Ilva di Taranto e quella dell'ormai ex polo chimico di Porto Marghera la polemica a distanza tra il ministro dell'ambiente Corrado Clini e l'ex sindaco di Venezia Massimo Cacciari.

"Sull'Ilva Clini non dice tutto ciò che sa", aveva affermato, tra l'altro, nei giorni scorsi Cacciari in un'intervista al sito online 'Lettera 43', accusando poi Clini - per lunghi anni medico dell'ambiente a Marghera - di essere in sostanza troppo morbido con i grandi gruppi industriali: "Clini in quanto 'potente' non farà mai una polemica in vita sua. Non l'ha fatta con l'Eni e non la farà con l'Ilva".

Oggi la replica di Clini, affidata a una lettera inviata allo stesso sito online e pubblicata anche da 'Il Gazzettino'. "Per chi mi conosce - scrive Clini -, l'intervista di Cacciari appare per quello che è: un maldestro tentativo di screditarmi e forse di intimidirmi nel momento in cui sono impegnato nella difficilissima situazione dell'Ilva di Taranto".

Clini chiede inoltre "dov'era Cacciari, allora parlamentare veneziano, quando come medico del servizio pubblico di medicina del lavoro denunciavo a centinaia le malattie professionali dei lavoratori di Porto Marghera, difendevo le loro ragioni contro le imprese e l'Inail, imponevo alle imprese impegnative e costose misure di prevenzione?". Il ministro insiste chiedendosi dove fosse il filosofo veneziano, "quando ripetutamente e pubblicamente - ricorda - chiedevo alle amministrazioni locali di organizzare la sanità pubblica per la prevenzione delle malattie e la diagnosi precoce dei tumori causati dall'inquinamento ambientale, piuttosto che costruire ospedali?".

O, ancora - prosegue Clini - "quando presentavo le denunce alla procura della repubblica per le morti da tumore del fegato provocate dal cloruro di vinile monomero?. Dov'era Cacciari, allora sindaco di Venezia - aggiunge - quando ho testimoniato per l'accusa nel processo avviato da Felice Casson contro Enichem, e ho richiamato i ritardi delle amministrazioni pubbliche per la prevenzione dell'inquinamento? Se allora avesse 'battuto un colpo', forse avrebbe potuto dare un contributo positivo per la protezione della salute dei lavoratori di Porto Marghera, e forse anche per il futuro industriale di quel sito".

Infine la replica all'attacco politico di Cacciari nei suoi confronti, quando nell'intervista ricordava che Clini a Marghera "prima che come medico, era un aiutante di Gianni De Michelis". "Evidentemente - risponde il ministro - il comunista-potereoperaista Cacciari non poteva rischiare di condividere l'impegno e le battaglie di un medico del lavoro che aveva la colpa di essere un militante socialista della corrente della sinistra di Riccardo Lombardi. Per fortuna a Taranto non c'é Cacciari". (Ansa)
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Il ceppo di covid proveniente dalla Serbia è molto aggressivo. Zaia: «Preoccupati per i virus importati»

  • Il giorno del Mose: alle 12.25 la Laguna è completamente isolata dal mare | DIRETTA

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento