Referendum, separatisti si scagliano contro Brugnaro. I Democratici in ordine sparso

Il giorno dopo l'Ok del Consiglio regionale alla consultazione sulla divisione tra Venezia e Mestre, il dibattito riprende vigore. Il sindaco ha annunciato subito il ricorso al Tar

Dopo il voto del Consiglio regionale sulla meritevolezza del referendum di separazione tra Venezia e Mestre, la polemica non può che tenere banco. Anzi, rinvigorirsi ancora di più. Nel mirino dei "referendari" finisce il sindaco Luigi Brugnaro, che martedì sera in una nota ha annunciato il ricorso al Tar di Ca' Farsetti di fronte alla decisione di palazzo Ferro-Fini di approvare la consultazione (sarebbe la quinta): "Prima di votare serve essere sicuri che sia uno struento legittimo", ha sottolineato il titolare di Ca' Farsetti.

"SEPARARE VENEZIA DA MESTRE", SEI D'ACCORDO? - VOTA

Parole che non sono andate giù ai separatisti, che si sono espressi anche sui social network: "Caro sindaco di Venezia - scrive per esempio Marco Sitran, esponente in prima linea dei movimenti separatisti - Perché non indice Lei il referendum, allora? Forse non tutti i cittadini sanno che altre modalità attualmente non esistono, visto che ha fatto approvare lo statuto della Città Metropolitana in cui all'articolo 10.3 impedisce di fatto la consultazione popolare, ai fini dell'elezione diretta del sindaco metropolitano, fino a quando non verrà cambiata la legge Delrio che la istituisce. I cittadini non vanno presi in giro con promesse elettorali che Lei stesso ha disatteso una volta eletto". Torna d'attualità il ballottaggio alle precedenti amministrative, quando il sindaco stipulò il famoso "patto" con Gian Angelo Bellati, che corse per il Carroccio al primo turno, in cui venne inserito proprio il referendum di separazione. Dopodiché, però, il primo cittadino ha preso una posizione diversa.

Sensibilità diverse ci sono anche all'interno del Partito Democratico. "A caldo" il parlamentare Dem, Davide Zoggia, aveva benedetto la consultazione referendaria, chiedendo che i cittadini possano esprimere la propria opinione. La pensa in maniera diversa il consigliere comunale Nicola Pellicani: "È evidente che il Consiglio regionale ha compiuto una forzatura dando il via libera al Referendum votando la meritevolezza - dichiara in una nota - Uno strappo contro tutti i pareri tecnico-giuridici secondo cui il referendum, così come proposto, sarebbe illegittimo. Così rischiamo di prendere in giro gli elettori, ovvero spendere denaro pubblico per andare al voto per un referendum che rischia di essere inutile. Prima è necessario sciogliere questo nodo, nell'interesse di tutti. Nel merito resto convinto che la separazione dei due Comuni non aiuti a risolvere gli annosi problemi di Venezia e di Mestre, ma finirebbe per aumentarli, generandone di nuovi".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Arriva l'ok al bilancio dalla giunta: "Per la prima volta dopo 3 anni non sforiamo il Patto"

    • Cronaca

      Ilnor, la protesta crea vicinanza: grigliata in fabbrica. La Regione incontra il sindacato

    • Eventi

      Musei Civici, il programma sarà 2017 ricco. In estate la "ciliegina" con Warhol e pop art

    • Cronaca

      Si chiude il cerchio dell'operazione "Idra", individuato l'ultimo ricercato della banda

    I più letti della settimana

    • Plebiscito.eu, polemica con il Comune: "Ci impediscono la manifestazione in piazza"

    • Ex precari senza lavoro e senza indennità: "Il Comune istituisca un fondo di rotazione"

    • Elezioni amministrative, si vota l'11 giugno: 8 comuni veneziani chiamati alle urne

    • "Serve un nuovo centrosinistra esterno al Pd", Mognato lascia il Partito Democratico

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento