Sanità, Idv all'attacco di Furlanetto: "Venezia con Chioggia? Sciocchezze"

Fa discutere la proposta di legge presentata ieri dal consigliere regionale del Carroccio. Marotta e Pipitone (Idv): "Porterebbe solo confusione e diatribe per le risorse"

Netta contrarietà è stata espressa dai consiglieri regionali dell'Italia dei Valori, Gennaro Marotta e Antonino Pipitone, alla proposta di legge presentata ieri in commissione Sanità dal consigliere della Lega Nord, Giovanni Furlanetto, che vuole rivedere confini e organizzazione delle tre Ulss veneziane, la 12, la 14 e la 10. Il testo prevede che gli abitanti di Venezia e delle isole lagunari siano assistiti dall'Ulss 14 di Chioggia, mentre quelli di Cavallino Treporti dall'Ulss 10 di San Donà.

“Furlanetto - dichiarano i due esponenti dipietristi - tenta di entrare nel Guinness dei primati. E' l'unica spiegazione logica per il suo progetto di legge, che vuole un comune, Venezia, diviso tra due Ulss. Caso unico in Italia e presumibilmente al mondo, compresa l'amata Tanzania degli investimenti leghisti. Il progetto vede Furlanetto come primo firmatario, ma è sottoscritto da quasi tutti i leghisti in Regione. Unici a tenersi fuori da questo quadro immaginifico - sottolinea Pipitone - sono stati Finozzi, Manzato, Toscani e il presidente Zaia che, sentendo puzza di bruciato, si è ben guardato dal firmarlo. Il progetto di legge - spiega Marotta - è breve, ma deleterio nella sua fantastica ipotesi. Tre articoli, tre perle. Furlanetto vuole inserire il centro storico di Venezia e le isole nell'Ulss 14, quella di Chioggia. Mestre, secondo il leghista, resterebbe invece agganciata all'Ulss 12, mentre Cavallino Treporti verrebbe accluso all'Ulss 10 di San Donà. Non sappiamo se la logica di Furlanetto fosse quella del 'divide et impera' o più semplicemente quella di creare casino, come se nella sanità lagunare adesso ce ne fosse poco. Sappiamo però, che non è vero quel che afferma, ovvero che per Venezia ci sarebbe il 25% di risorse in più. A chi verrebbe tolto questo 25%, agli hospice di Mestre? Con questo spezzatino mal tagliato - concludono Pipitone e Marotta - avremmo solo danni, confusione e diatribe infinite sull'utilizzo di mezzi e risorse sempre più limitati. E per Venezia e i veneziani il futuro della sanità, a braccetto con Chioggia, sarebbe ancor più difficile e complicato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

  • Auto fuori strada, morto un uomo

  • Lite finisce nel sangue: 37enne accoltella l'ex suocero

Torna su
VeneziaToday è in caricamento