I sindaci metropolitani con il premier Conte: 3 miliardi agli Enti locali

Brugnaro: «Aspettiamo che l'impegno preso dal presidente trovi concretezza in provvedimenti normativi» Dal Recovery fund europeo piano da 750 miliardi: 170 all'Italia

Il sindaco Brugnaro in videoconferenza

Riunione dei sindaci metropolitani con presidente del Consiglio Giuseppe Conte oggi, giovedì 28 maggio. Il primo cittadino di Venezia e sindaco della Città metropolitana Luigi Brugnaro, ha ringraziato il presidente del Consiglio «per aver ascoltato con attenzione e recepito le richieste d'aiuto che i primi cittadini metropolitani gli hanno sottoposto. Cinque proposte concrete, a cominciare da altri 3 miliardi da destinare agli Enti locali, per aiutare i sindaci italiani che dall'inizio della emergenza sanitaria si sono trovati ad affrontare un periodo di reale difficoltà - dice Brugnaro - aspettiamo che l'impegno preso dal presidente trovi presto concretezza in puntuali provvedimenti normativi. Un grazie ad Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente Anci, e a tutti i colleghi che oggi, come in tutte le precedenti occasioni hanno saputo fare fronte comune per difendere il futuro delle nostre città e il bene dei nostri concittadini».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Recovery fund

Un piano da 750 miliardi è stato approvato ieri, mercoledì 27 maggio, in Europa, per affrontare la crisi. L’Italia riceverà 170 miliardi di euro, la metà come aiuti a fondo perduto. «Non è importante solo dal punto di vista materiale, anche se ovviamente poter disporre di una cifra così grande ci consentirà di affrontare con ancora più strumenti e mezzi le conseguenze del virus, specie in una regione come il Veneto, fortemente vocata alla produzione e all’export - spiega il sottosegretario all'Interno Achille Variati -. È importante anche dal punto di vista politico. Per molto tempo i sovranisti hanno accusato l’Europa di non servire a niente, di essere solo un peso, di toglierci sovranità senza darci futuro. Arrivando a ventilare l’idea che sarebbe meglio uscirne. Ma se l’Italia fosse stata da sola ad affrontare questa emergenza, chi l’avrebbe aiutata? L’Europa non è perfetta, ha problemi e lentezze. Ma è viva, come è vivo il sogno di un’unione di Paesi che si erano combattuti per secoli e che hanno scelto di affrontare i problemi insieme».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Venti chilometri di sopraelevata per raggiungere Jesolo d'estate. Ok dal Cipe

  • Auto cappottata al casello Mestre-Villabona

  • «I pusher nigeriani si sono impadroniti di Marghera, gang pericolosissima»

  • Giovane ferito con una coltellata alla fermata del bus

Torna su
VeneziaToday è in caricamento