Spazi pubblici per la socialità. Pd: «Metterli a disposizione della cultura»

Dodi: «Siano volano di economia e aggregazione, opportunità per sviluppi commerciali, ricreativi, sportivi». Martini: «Riconoscere tutte le categorie e le professionalità»

Venezia, panoramica

Il rilancio della città, pensando e programmando il post coronavirus, per il Partito Democratico veneziano deve ripartire anche dalla produzione culturale. «Ci vuole - scrive il segretario Giorgio Dodi - una forte dose di innovazione e creatività per non farci isolare dal coronavirus e vivere al meglio gli spazi pubblici che possono rinforzare il senso di comunità».

Gestire questo patrimonio diventa quindi questione nevralgica. Serve, per il Pd, «un impegno dell'Amministrazione comunale per dedicarlo a opportunità di sviluppo commerciale, ricreativo, culturale, sportivo. Teatro, musica, arte, giocoleria, devono trovare forme agevolate per esprimersi». Per lo spettacolo dal vivo, secondo il Pd, serve «un tavolo che l’Amministrazione comunale dovrebbe istituire subito. Siamo certi che una proposta del genere troverà grande ascolto e disponibilità di collaborazione da parte di molti - spiega Dodi -, competenze e creatività presenti in città riuscirebbero ad immaginare momenti differenziati in ogni Municipalità e quartiere. Questo, secondo noi, serve alla città, non passerelle».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il Comune di Venezia non può permettersi di non avere un assessorato dedicato alla cultura - scrive Giovanni Andrea Martini presidente di Municipalità di Venezia Murano Burano -. E il patrimonio culturale  - non può  essere - pensato soltanto in termini di tornaconto economico. Serve fare della cultura uno strumento a disposizione dei cittadini, con riconoscimento di tutte le categorie e delle professionalità, anche quelle che si collocano nella zona grigia fatta di prestazioni occasionali e collaborazioni precarie, talvolta senza tutele. La cultura - conclude - si fa 365 giorni l’anno, nelle sedi e nelle modalità più diverse, non è pensata esclusivamente per il turista».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

Torna su
VeneziaToday è in caricamento