Asili veneziani, scontro in commissione: "Poche educatrici, servizio scadente"

Rilevati casi in cui le maestre sarebbero state costrette a seguire un numero eccessivo di bambini. Attacco all'amministrazione, ma l'assessore replica: "Famiglie soddisfatte"

Nuovo attacco dell'opposizione sul tema dei servizi educativi negli asili nido veneziani. Polemiche contro i tagli, ma l'assessore Paolo Romor difende le scelte della giunta e sostiene che la qualità è garantita. Il problema principale è legato all'organico: mercoledì in commissione sono state discusse le interpellanze delle consigliere Elena La Rocca (M5S) e Monica Sambo (Pd) in cui si fa riferimento a casi di personale insufficiente rispetto al numero di bambini presenti in asilo. Un disservizio che spesso nasce dalla necessità di spostare le educatrici chiamate a coprire altre assenze.

Le opposizioni citano le segnalazioni degli ultimi mesi arrivate al Comune dai genitori: in un'occasione è capitato che per un'ora e mezza non ci fosse alcuna educatrice, quindi i piccoli sono stati affidati agli ausiliari. In altri casi le insegnanti si sono trovate a dover gestire un numero troppo elevato di infanti: una maestra si è trovata con 18 bimbi, un'altra volta erano in due per 19, un'altra ancora in due per 24. Mentre il rapporto dovrebbe essere di uno a 6.

Per l'assessore, invece, le regole sono state rispettate (anzi, le educatrici sono anche di più di quelle previste dalla legge) e le proteste sono strumentalizzazioni. Non solo. Romor ha citato il rapporto positivo prodotto dalla Ulss dopo le verifiche condotte nei mesi scorsi e l'elevato indice di soddisfazione delle famiglie chiamate a valutare il servizio. Per l'amministrazione, insomma, il problema non c'è. Sambo, La Rocca e Pelizzato hanno abbandonato la commissione prima del termine dei lavori, lamentando "l'impossibilità di una discussione civile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ciò che lascia basiti - commenta La Rocca - è che l'assessore continua a dimostrare disinteresse per la situazione nella sostanza. A lui interessa solo che il rapporto numerico previsto sulla carta sia rispettato. Se succede che, a causa della scarsità di personale e dell'assenza di supplenti, questi bambini si trovino con poche educatrici, all'assessore evidentemente non interessa. Ricordo che stiamo parlando di bambini da 0 a 3 anni e che se anche sono 'solo' 10 con una educatrice, se questa deve cambiare un pannolino, 9 restano da soli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Casa del sesso in centro a Mestre: arrestata una donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento