Immensa Bebe Vio, vince la quarta coppa del mondo di fioretto

Ennesima vittoria della campionessa paralimpica di scherma, che si conferma la più forte al mondo

Foto: campionessa mondiale di scherma, Bebe Vio, immagine dal profilo Twitter

«Bebe è già over the top e tutto il Veneto è orgoglioso di lei». Con queste parole il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, saluta l’ennesima vittoria della campionessa paralimpica di scherma Bebe Vio che, vincendo la gara di coppa del mondo di fioretto di Tbilisi, ha raggiunto la certezza di aver vinto la Coppa del Mondo 2018. «Dobbiamo tutti ringraziare questa ragazza fenomenale – aggiunge Zaia – per i trionfi sportivi, ma soprattutto per la lezione di vita che invia al mondo intero con la sua forza, i suoi sorrisi, il suo ottimismo, la sua mentalità vincente, tanto in pedana che fuori».

Coppa del mondo

Bebe si è aggiudicata la gara di fioretto femminile, categoria B, svoltasi giovedì a Tbilisi, nella prima giornata della tappa che segna l'avvio della fase di qualificazione ai giochi paralimpici di Tokyo 2020. Il successo vale l'aritmetica certezza della conquista della coppa del mondo 2018 di specialità. In finale, Bebe Vio, con il punteggio di 15-5 ha battuto la russa Irina Mishurova sua 'consueta' avversaria. Domenica l'azzurra sarà nuovamente protagonista in pedana nella gara a squadre assieme a Loredana Trigilia e Andreea Mogos.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

  • 5 consigli per favorire il benessere intestinale

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento