Bebe Vio torna a incantare: a Sharja il pronto riscatto della fiorettista azzurra

La campionessa ha vinto la gara di fioretto femminile categoria B del circuito di Coppa del Mondo di scherma paralimpica, svoltasi martedì negli Emirati Arabi Uniti

Foto: Bebe Vio

Bebe Vio si porta a casa l'ennesima vittoria. Arriva dalle pedane di Sharja, negli Emirati Arabi Uniti, il pronto riscatto della fiorettista azzurra che dopo il secondo posto ottenuto a dicembre nella prova di Kyoto, riprende il suo ruolino di marcia farcito da vittorie. Beatrice, Bebe Vio ha infatti vinto la gara di fioretto femminile categoria B del circuito di Coppa del Mondo di scherma paralimpica, svoltasi martedì a Sharja.

Le gare

La paralimpionica e campionessa europea e mondiale in carica, dopo aver vinto tutti gli assalti del proprio girone, ha avuto ragione nel turno degli ottavi di finale, della georgiana Irma Khetusiriani per 15-6, prima di superare ai quarti la thailandese Saysunee Jana col punteggio di 15-3. L'assalto di semifinale è stato invece quello più "tirato" per la fiorettista veneta, che ha vinto il match contro la cinese Xiao Rong per 15-7, giungendo poi al suo oramai proverbiale urlo di vittoria, alla stoccata del 15-5 con cui ha concluso l'assalto finale contro l'altra portacolori della Cina, Zhou Jingjing. Nella spada maschile categoria A, si è fermata nel tabellone dei sedicesimi la corsa del trevigiano Matteo Dei Rossi, sconfitto con il punteggio di 15-8 dal cinese Sun che ha poi concluso la gara al secondo posto. 

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

  • 5 consigli per favorire il benessere intestinale

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento