Uomo spogliatoio e difensore sempre presente: la Reyer si tiene stretto Bruno Cerella

L’Umana Reyer Venezia ha il piacere di ufficializzare la conferma di Bruno Cerella nel roster della prima squadra maschile anche per la stagione 2019/20

L’Umana Reyer Venezia ha il piacere di ufficializzare la conferma di Bruno Cerella nel roster della prima squadra maschile anche per la stagione 2019/20. Per la guardia-ala, che festeggia oggi il 33° compleanno, sarà quindi la terza stagione consecutiva con la maglia orogranata, con cui ha vinto il primo anno la FIBA Europe Cup e il secondo anno lo scudetto, terzo tricolore personale dopo i due di Milano. Nel suo palmares figurano anche due Coppe Italia e una SuperCoppa italiana.

Identikit

Cerella, 194 cm di altezza, è nato a Bahia Blanca (Argentina) il 30 luglio 1986, ma è in possesso di passaporto italiano fin dai 16 anni di età, grazie alle origini dei nonni paterni. Nella sua esperienza all’Umana Reyer, si è fatto apprezzare dai tifosi, diventandone un idolo, sia per l’impegno in campo, grazie alle doti di grande agonista e difensore, sia per la presenza in spogliatoio, dove è un vero uomo-squadra, sia per la grande disponibilità e sensibilità al di fuori dell’evento sportivo.

L'ultimo anno

Lo scorso anno è sceso in campo con la maglia dell’Umana Reyer in 54 incontri (42 di campionato, 11 di Basketball Champions League e 1 di Coppa Italia), superando quota 100 presenze in incontri ufficiali con la maglia orogranata, viste le 48 presenze (28 in campionato, 11 in Champions League, 8 in Fiba Europe Cup e 1 in Coppa Italia) della prima stagione con il club.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento