homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Federica Pellegrini, risultati della finale dei 400 stile libero alle Olimpiadi

La campionessa di Spinea non è riuscita ad andare meglio del quinto tempo. "Ho dato tutto quello che avevo. Mi prenderò un anno di pausa, poi vedremo se avrò ancora voglia di nuotare"

Vasca amara per Federica Pellegrini. Anzi, sono otto le vasche che hanno riscritto le gerarchie mondiali dei 400 stile libero. E in questi rapporti di forza non è più la campionessa di Spinea a guardare dall'alto in basso tutte le altre. Domenica sera la prima finale olimpica londinese per Federica, cui si era qualificata con il settimo tempo.

Diciamo la verità. La "reginetta" della vasca non era la favorita. Non lo era un mese fa e non lo era neanche pochi minuti prima del via. Ma si sperava nella zampata della campionessa, capace di sovvertire i pronostici. Così non è stato. Federica ha toccato la piattaforma per quinta, dietro alla vincitrice francese Camille Muffat (con un tempo in altri periodi alla portata della Pellegrini), la statunitense Allison Schmitt, l'idolo di casa Rebecca Adlington e la danese Lotte Friis.

"Ho dato veramente tutto quello che avevo - ha dichiarato l'azzurra a caldo - A questo punto penso di avere bisogno di un anno di stacco e poi vedremo se avrò ancora voglia di nuotare". Parole "bomba", anche se dettate dalla delusione di ciò che poteva (e per certi versi doveva) essere. La consapevolezza è che la benzina in questo momento non è molta: "A me sta bene perché so che ho dato tutto - ha spiegato la Pellegrini - Vedere vincere l'oro con quattro minuti, un secondo e mezzo non mi piace molto però 'c'est la vie'". Ed è proprio questa frase francese come la vincitrice, e detentrice del miglior crono annuale, a ufficializzare il passaggio del testimone tra chi dominerà la specialità nei prossimi anni.

Il balletto delle critiche è già iniziato. Con alcuni addetti ai lavori che hanno sottolineato come la defaillance di domenica sera sia stato determinato dalle scelte sbagliate in fase di preparazione, con il cambio di quattro allenatori in due anni. Ma è ancora presto per parlare di viale del tramonto per Federica Pellegrini. Domani si continua con i duecento stile libero, e questa distanza è "casa sua".

 

I RISULTATI DELLA SEMIFINALE DEI 200 STILE LIBERO: FEDE IN SEMIFINALE

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      "Renzi si ricordi di noi. Dopo la Brexit si pensi a una no tax area anche a Porto Marghera"

    • Cronaca

      Non si hanno sue notizie da una settimana: trovato morto dentro l'appartamento

    • Cronaca

      Riorganizzazione del Comune: dirigenti dimezzati e rotazione del personale

    • Cronaca

      Il tram "in coda al gruppo" sul Ponte, i ciclisti lo fanno andare a passo di lumaca VIDEO

    I più letti della settimana

    • Pellegrini segna il nuovo record italiano: abbassata la soglia sui 100m stile libero

    • La tentazione della Pellegrini: "Decido all'ultimo se gareggiare anche nei 100 stile"

      Torna su
      VeneziaToday è in caricamento