Pellegrini da leggenda: a 30 anni vince l'oro mondiale nei 200, il quarto della carriera

Una immensa Federica si impone con un tempo stratosferico su Titmus e Sjostrom. È la sesta medaglia d'oro in competizioni mondiali, la quarta nella sua specialità

Federica Pellegrini (©Ansa)

La regina è sempre lei. Un tempo pazzesco: 1'54"22. Federica Pellegrini ha vinto oggi il suo quarto oro mondiale nei 200 stile libero, la sua gara. In totale, per lei, sono 6 medaglie mondiali del metallo più pregiato. La campionessa di Spinea si è imposta su Titmus (1'54"66) e Sjoestroem (1'54"78). I mondiali di nuoto coreani continuano a dare grandissime soddisfazioni per i colori azzurri, e nel carosello di iridati non poteva mancare Super Fede.

Lacrime di gioia

Un successo del quale la campionessa fatica a capacitarsi: «Io non ci credo ancora, - ha commentato a caldo, tra le lacrime di gioia - mai avrei immaginato l'oro. Io infinita? Sì».

Schermata 2019-07-24 alle 15.57.37-2

Dopo il successo in vasca, il sindaco di Spinea Martina Vesnaver ci ha tenuto a telefonare alla madre della campionessa spinetense. Una chiamata di cortesia per complimentarsi per il grandioso successo, e per ribadire che i sacrifici sono di chi gareggia ma anche dei genitori che accompagnano, e hanno accompagnato, i figli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Zaia: «Un'impresa fenomenale»

«Ogni sportivo, di ogni angolo del mondo, a cominciare da me, - ha commentato il presidente della Regione Luca Zaia - oggi si inchina alla straordinaria impresa di una ragazza fenomenale che, partita da Spinea, nel nostro Veneto, ha raggiunto Marte. Nemmeno madre natura ha ancora capito quale possa essere il limite psicofisico di questa incredibile atleta, perché ogni volta che il limite sembra raggiunto lei riesce a superarlo, con la forza dei grandissimi, con il coraggio di una donna vera, con la preparazione di un’atleta che sta riscrivendo la storia dello sport. Grazie Federica, per continuare a darci emozioni che nessuno sportivo potrà mai dimenticare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento