Tacopina: "Pronto a investire altri 19 milioni, col nuovo stadio 10mila posti di lavoro"

Il presidente del Venezia intervistato dal New York Post: "Il nuovo impianto è la condizione per rimanere in laguna. Sarà da 22-25mila posti. Brugnaro è un piccolo Bloomberg"

"Il nuovo stadio porterà 10mila nuovi posti di lavoro, e sono pronto a investire altri 19 milioni di euro sulla società". Il presidente del Venezia, Joe Tacopina, non lascia. Anzi, raddoppia. Intervistato dal New York Post in un articolo pubblicato a tutta pagina, ha spiegato che il suo progetto di portare gli arancioneroverdi in serie A è ancora attualissimo: "Non è questione di se, ma è questione di quando", ha spiegato. Condizione per la permanenza dell'avvocato statunitense in laguna, però, è la possibilità di costruire finalmente lo stadio di proprietà, su cui in Italia ancora poche società possono contare. Sono solo 3. "Sarà un impianto di 22mila-25mila posti - ha dichiarato Tacopina - e  sorgerà vicino all'aeroporto". Ossia nel noto quadrante di Tessera. Per individuare strutture all'altezza da cui attingere nei mesi scorsi il club lagunare si trasferì proprio negli Stati Uniti, per visionare due impianti di soccer: il Red Bull Arena, casa dei New York Red Bulls, e il Talen Energy Stadium, casa dei Philadelphia Union.

"Ho detto al momento dell'accordo al sindaco Brugnaro, che è un piccolo Bloomberg, che avrebbe dovuto supportarmi nel progetto dello stadio - ha spiegato il presidente del Venezia - perché se non c'è questo, non c'è alcun altro progetto. Non sarei venuto a Venezia". Tacopina spende belle parole per il titolare di Ca' Farsetti: "Non frequenta i corcoli politici e non usa linguaggio burocratico. Io parlo la sua lingua. Ha capito che il contributo per la città sarà enorme". In New York Post si sofferma a descrivere anche il Penzo, l'attuale stadio del Venezia: "Il secondo più vecchio d'Italia, costruito nel 1913 - si legge - ha una pittoresca vista dell'acqua e delle Dolomiti e i calciatori arrivano in barca. Ma è troppo piccolo". 

Il modello di Tacopina si riassume in due parole: calcio e turismo: "Guardate il Chelsea - ha spiegato - Il 35% del pubblico delle partite è composto da turisti. Veneiza è la città più bella del mondo e ha 35 milioni di turisti...". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave incidente nautico al Lido, tre morti

  • Dimentica la rete internet accesa per 4 ore: maxi bolletta da 16mila euro

  • Appartamento divorato dalle fiamme: chiusa la strada

  • Torna l'ora solare: quando spostare le lancette

  • Torna il maltempo, previsti temporali in tutto il Veneziano

  • Spettacolare inseguimento tra Caorle e San Donà: l'auto si schianta, un arresto

Torna su
VeneziaToday è in caricamento