È ufficiale, il dopo Quez si chiama Jeremy Chappell

La guardia-ala ha militato a Brindisi nell'ultima stagione, raggiungendo i playoff

Jeremy Chapell in azione contro la Reyer

Ora è ufficiale. La Reyer ha messo nero su bianco con Jeremy Chappell, la guardia-ala che avrà il compito di rimpiazzare l'ex capitano orogranata Marquez Haynes. Free agent, l'ultima stagione ha militato tra le file di Brindisi.

Jeremy Chappell

Alto 191centimetri, Chappell è nativo di Cincinnati (Ohio), dove ha mosso i primi passi nella pallacanestro alla Northwest High School. Dopo quattro anni di college alla Robert Morris University, nel 2009 inizia la carriera professionistica in Europa allo Znicz Jaroslaw (Polonia) per poi spostarsi in Ucraina per tre stagioni (una al BC Goverla e due al Ferro-ZNTU Zaporižžja con cui vince la coppa nazionale nel 2013.) Nella stagione 2013-2014 disputa la VTB League con lo Zenit San Pietroburgo con cui raggiunge la finale di EuroChallenge mentre nelle successive due annate veste la maglia dell’Avtodor Saratov.

Nelle ultime stagioni

Prima dell’arrivo in Italia gioca una stagione (2016-2017) a Banvit insieme a Gediminas Orelik e Gasper Vidmar, raggiungendo la finale di Champions League e vincendo la coppa nazionale turca. Nel 2017-2018 raggiunge i playoff con la maglia di Cantù e si ripete con Brindisi nella stagione appena conclusa dove riceve anche la nomination tra i migliori cinque difensori del campionato (12,8 punti con 56,6% da 2 e 37,1% da 3; 5,1 rimbalzi e 2,8 assist).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Pronto a dare tutto per questi colori»

«Sono davvero entusiasta di far parte dell’Umana Reyer che ringrazio per avermi voluto - le prime parole di Chappell da orogranata - È un club con un altissimo grado di professionalità in diversi settori e questo è molto importante per me. Ho grande rispetto anche per i sostenitori e l’ambiente orogranata, non ho mai visto una partita in cui il Taliercio non fosse pieno e l’atmosfera che si crea è ideale per giocare importanti sfide. I miei obiettivi stagionali sono sempre gli stessi: dare tutto me stesso per aiutare la mia squadra a vincere. Entro a far parte della squadra Campione d’Italia perciò metterò le mie qualità a disposizione di staff e compagni per difendere al meglio il titolo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento