Dopo 3 stagioni di successi, Quez lascia la Reyer

Marquez Haynes alla ricerca di nuove esperienze professionali ha rescisso il contratto con la squadra lagunare, dopo aver vinto il secondo scudetto in 3 anni

Ha vinto due scudetti e una Europe Cup, conducendo per mano per lunghi tratti la sua squadra. Dopo tre stagioni di successi, si separano le strade di Umana Reyer e Marquez Haynes. Come comunicato dalla società, si è trattata di una rescissione consensuale, su esplicita volontà del giocatore di concludere il rapporto.

Alla ricerca di nuovi stimoli

Nei giorni scorsi erano trapelate indiscrezioni sulla volontà della guardia statunitense di ritirarsi o prendersi un anno sabbatico, eventualità comunque negata dallo stesso giocatore attraverso un post su twitter. «Non mi sto ritirando, - ha scritto Quez - ma ho coscienza delle mie capacità e del mio impatto su una cultura vincente. Se devo giocare, devo essere felice per il basket e per le prospettive professionali».

Arriva Chappell?

Ora per la Reyer si apre la caccia ad una nuova guida sul parquet, in grado di non far rimpiangere Haynes. In questo senso si legge la mossa della dirigenza per assicurarsi i servigi di Jeremy Chappell, guardia tiratrice "free agent", l'ultimo anno tra le file di Brindisi con cui ha disputato 30 partite mettendo a referto una media di 13 punti a partita.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento