Playoff amari per la Reyer: sconfitta contro lo Nizhny Novgorod, strada tutta in salita

Si fa terribilmente in salita la strada dell’Umana Reyer in Basketball Champions League, dopo la netta sconfitta (95-72) nell’andata del Round of 16 dei playoff in Russia

Si fa terribilmente in salita la strada dell’Umana Reyer in Basketball Champions League, dopo la netta sconfitta (95-72) nell’andata del Round of 16 dei playoff in Russia, sul campo del Nizhny Novgorod.

Primo quarto

Washington non recupera dall’infortunio alla spalla subito a Bologna e, rispetto all’ultima gara di campionato, viene confermato il quintetto iniziale (Haynes, Stone, Bramos, Mazzola e Watt). L’approccio orogranata è quello giusto: 0-5 dopo 2′ con Watt e Bramos, 3-9 al 3′ con Mazzola e ancora Bramos. Il Nizhny si riavvicina (8-9 al 4′), poi Stone mette la tripla dell’8-12. I russi alzano però l’aggressività difensiva e ribaltano il punteggio con un parziale di 8-0 in 2′. Vidmar torna a muovere il punteggio dell’Umana Reyer (16-14) e De Nicolao, dalla lunetta, mette i liberi per rimanere a contatto (18-16 al 7’30”), ma il finale è di nuovo dei padroni di casa, che vanno al primo intervallo sul 23-18.

Secondo quarto

L’inerzia non cambia nel secondo quarto: nei primi 3’30”, per gli orogranata segna solo Tonut e Novgorod tocca la doppia cifra di vantaggio (30-20). In uscita dal time out chiamato da coach De Raffaele, Bramos infila allo scadere dei 24” il 30-22, ma la panchina veneziana è costretta a interrompere nuovamente il gioco subito dopo metà quarto sul 36-22. Watt segna, ma poi commette il terzo fallo, così il Nizhny allunga ulteriormente: 41-24 al 17′. Ci vuole un’invenzione di Haynes per vedere uno dei rari canestri orogranata del quarto, con i padroni di casa che arrivano sul 45-26 al 18’30”. L’Umana Reyer soffre il pressing aggressivo degli avversari e perde troppi palloni: ben 11 nel primo tempo, che si chiude sulla schiacciata di Vidmar del 45-28.

Terzo quarto

Astapkovic (che firma il 51-30 al 21’30”) da una parte e Vidmar (suoi i primi 4 punti dell’Umana Reyer) sono i protagonisti di inizio ripresa. Poi si scatena però Perry, trascinando il Nizhny al 55-33 al 22’30” e poi al 59-37 al 24’30” con un’incredibile tripla allo scadere dei 24”, non completando però il gioco da quattro punti sul fallo di Bramos. Bramos si conferma comunque il più ispirato, con due liberi e la tripla dall’angolo per il 59-42 dopo metà quarto. E’ però solo un sussulto, perché riparte il solito Perry e al 27’30” è 67-43. Dal 69-46 del 29’, in ogni caso, un paio di giochi da tre punti (di Haynes prima e di Biligha poi) consentono agli orogranata di chiudere il periodo sul 71-52.

Ultimo quarto

Coach De Raffaele prova il quintetto piccolo aggressivo con quattro italiani in avvio di ultimo quarto (De Nicolao, Tonut, Cerella, Bramos e Biligha) e la mossa paga. La squadra lotta, mette pressione e inizia il recupero con un gioco da tre punti di Tonut (71-55 al 31’). Haynes torna in campo ed esce subito per il quinto fallo, ma Bramos infila la tripla del 72-57, con il Nizhny poi portato al bonus dopo nemmeno 3’ di gioco nel quarto. L’Umana Reyer sfrutta l’opportunità, attaccando il ferro e tocca il -12 (74-62) al 34’30”. Il time out della panchina russa riesce però a interrompere l’inerzia, così è coach De Raffaele a chiamare subito a sua volta time out sul 78-62 al 35’30”. Dopo un gioco da tre punti per l’80-65, Watt viene fermato spesso fallosamente, ma fa 2/4 dalla lunetta ed è 81-57 al 37’. Ad ammazzare il match sono nove di fila del solito Perry (90-67 al 38’30”, con l’Umana Reyer che, nel finale, trova poi solo la tripla di Bramos e i liberi di De Nicolao per il 93-72, con Hummer che chiude nell’ultimo possesso sul +23 Novgorod, 95-72.

Parziali: 23-18; 45-28; 71-52

Nizhny: Komolov 2, Astapkovich 19, Zhbanov 3, Uzinskii 2, Dragicevic 10, Toropov, Gerasimov 2, Hummer 12, Baburin 11, Perry 34. All. Lukic.
Umana Reyer: Haynes 6, Stone 3, Bramos 17, Tonut 7, Daye 5, De Nicolao 8, Vidmar 8, Biligha 3, Giuri, Mazzola 2, Cerella, Watt 13. All. De Raffaele.

Potrebbe interessarti

  • Consigli anti stress per il rientro dalle vacanze

I più letti della settimana

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: 23enne recuperato morto

  • Schianto auto-moto, due all'ospedale. Bloccato l'autista, guidava ubriaco

  • Schianto in autostrada, morta una 22enne

  • Incidenti sul Passante: una Ferrari incastrata sotto un camion

  • Scivola e batte la testa, escursionista veneziano portato all'ospedale

  • Un bambino salvato sulla spiaggia a Jesolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento