Torna "nuotiamo insieme": da evento amatoriale al calendario Fin, 18 anni di crescita

Festeggerà la 18^ edizione la gara di nuoto in acque libere che si terrà sabato 13 e domenica 14 luglio a Caorle, nel tratto di mare antistante la Spiaggia di Levante

Festeggerà la 18^ edizione “Nuotiamo Insieme”, gara di nuoto in acque libere che si terrà sabato 13 e domenica 14 luglio a Caorle, nel tratto di mare antistante la Spiaggia di Levante. Molto più di un evento sportivo, “Nuotiamo Insieme” in diciotto anni è davvero diventata grande grazie al Comune di Caorle e al comitato regionale FIN Veneto, che ne hanno fatto la gara di acque libere più partecipata in Italia, rivolta ad agonisti di tutte le categorie (dagli esordienti agli assoluti) e atleti master.

Le origini

Ma nelle origini di questa manifestazione c’è, appunto, qualcosa di più della competizione sportiva. «Volevamo dare vita a un’iniziativa in cui la diversità non fosse un’etichetta», racconta Galileo Guerrato, che la società Plavis organizzò nel 1996 la prima gara in mare aperto sulla spiaggia di Caorle. Nel 1998 l’organizzazione decise di inserire tra i partecipanti un ragazzo con disabilità intellettiva, dando il via a un esperimento di inclusione sociale attraverso lo sport che portò, nel 1999, al coinvolgimento dell’associazione Alba Chiara onlus e alla nascita di “Nuotiamo Insieme”: una gara in cui atleti disabili e normodotati nuotano, appunto, insieme, suddivisi per categorie d’età.

L'evento di punta

Dopo un periodo di stop per mancanza di fondi, “Nuotiamo Insieme” rinasce nel 2003 grazie all’intervento dell’amministrazione comunale di Caorle, che valorizza la manifestazione portandola a sostenere con successo il primo esame ufficiale: l’inserimento, nel 2005, nel calendario agonistico della Federazione Italiana Nuoto. Al comitato regionale FIN si deve, in particolare, l’attuale strutturazione di “Nuotiamo Insieme” in un programma di quattro gare, che si svolgono in un percorso ad anello con arrivo e partenza all’altezza della chiesa della Madonnina dell’Angelo: nella giornata di sabato, agonisti e master si sfidano sulle distanze dei 3000 e 5000 m, domenica invece nella 10000 m e nel Team Event, la gara a squadre miste maschi-femmine sui 1500 m. Nella mattinata di domenica, inoltre, si disputa il Trofeo Alba Chiara, la speciale “gara nella gara” che vede un gruppo di atleti con disabilità (tesserati FINP, FISDIR e Special Olympics) nuotare al fianco degli atleti FIN delle categorie propaganda ed esordienti sulle distanze dei 600 e 1500 m.

Numeri

In base alle stime delle ultime edizioni, sono attesi a Caorle almeno un migliaio di partecipanti nei due giorni, tra cui circa un centinaio di atleti con disabilità. Numeri importanti per una manifestazione, unica nel suo genere, diventata «un fiore all’occhiello della nostra località – affermano orgogliosamente il sindaco di Caorle, Luciano Striuli, e l’assessore allo sport, Giuseppe Boatto, durante la presentazione ufficiale della 18^ Nuotiamo Insieme – È un grande evento non solo per gli sportivi, ma anche per i turisti, che assistono alle gare dalla nostra ScoglieraViva, l’arena naturale che trasforma il mare Adriatico in uno spettacolare palcoscenico d’acqua».

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • 5 consigli per favorire il benessere intestinale

  • Bidoni della spazzatura: come fare per averli sempre puliti

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • Incidente fra mezzi pesanti sulla A4 a San Stino, un morto

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il dolore della comunità per la perdita del giovane Alessio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento