Rimonta di forza, ma ai supplementari la stanchezza prende il sopravvento: vittoria Trento

L’Umana Reyer corona con carattere un’altra rimonta (da -24 alla parità in 15′!), acciuffando il supplementare con Trento, ma alla fine cede per 77-81

Austin in match (foto: reyer.it)

L’Umana Reyer corona con carattere un’altra rimonta (da -24 alla parità in 15′!), acciuffando il supplementare con Trento, ma alla fine cede per 77-81.

Primo quarto

Senza Giuri per i problemi alla caviglia e con Washington fuori nelle rotazioni degli stranieri, gli orogranata partono con Haynes, Stone, Bramos, Daye e Vidmar. In avvio, le due squadre si rispondono colpo su colpo, con l’Umana Reyer avanti sul 3-2 (tripla di Bramos) dopo 1′ e sull’8-7 (tripla di Haynes) dopo 3’30”. L’attacco veneziano, però, si inceppa, così Trento, con triple, reattività sulle palle vaganti e rimbalzi offensivi (oltre a un metro arbitrale che agevola il gioco spigoloso della squadra di Buscaglia), allunga sull’8-18 all’8′, con un parziale di 0-11. Biligha torna a segnare per l’Umana Reyer, poi De Nicolao infila nell’ultimo possesso la tripla del 13-22.

Secondo quarto

Sempre il playmaker apre il secondo tempo (15-22 dalla lunetta), poi però la partita si incattivisce e Trento, dopo un periodo di scarsa precisione dall’arco, ritrova la lucidità da 3, ritoccando più volte il massimo margine: al 12’20” è 15-28, al 14′ 16-33, a metà quarto 18-36, con pronto time out di coach De Raffaele. Una stoppata pulita di Watt viene interpretata come terzo fallo del lungo e Hogue fa 18-38 al 15’30”, poi l’Umana Reyer paga anche un po’ di imprecisione dalla lunetta, così si riavvcina solo sul 20-38 al 18’30”. Trento riprende inoltre l’inerzia nel finale, doppiando gli orogranata sul 22-44, prima del libero conclusivo di Stone per il 23-44.

Terzo quarto

Il secondo tempo si apre con tre palle perse orogranata e Forray che muove il punteggio al 22′ per il 23-46. Trento va anche sul 25-49 al 23′ e, dopo il tentativo di scossa di Stone e Daye (30-49 al 24′), sul 30-54 a metà periodo. Watt e Daye sono i protagonisti del nuovo -17 (38-55) al 27′, poi, dopo il nuovo -20 (tripla di Forray), il finale di periodo è chiaramente di marca orogranata: ancora Watt, Cerella (uscendo ottimamente dalla panchina) e alla fine Daye con i liberi firmano il parziale di 8-1 che manda le squadre all’ultimo intervallo sul 46-59, con inerzia tutta per l’Umana Reyer.

Ultimo quarto

Che la partita sia cambiata, lo conferma l’avvio di quarto quarto: schiacciata di Biligha, triple di Daye e De Nicolao e l’Umana Reyer torna sotto la doppia cifra di ritardo (54-63) al 32′. Marble commette il quarto fallo e poi protesta, finendo la partita dopo il tecnico, così Biligha schiaccia il 57-65 al 33′. Craft firma da solo uno 0-5 per il 57-70 a metà quarto, ma dopo il time out di coach De Raffaele, gli rendono pariglia Stone con i liberi e Bramos dall’arco. Ancora Bramos, al 38′, in un’azione con tre rimbalzi offensivi, riporta gli orogranata a due possessi (64-70) e Watt dopo un rimbalzo offensivo a -4 (66-70) a -54”, provocando anche il quinto fallo di Hogue ma non convertendo il gioco da tre punti. A -22”, un libero di Watt dà il 67-70; a -19”, uno di Pascolo il 67-71. A -4”, sia De Nicolao che Forray fanno 2/2 ai liberi (69-73), così come Haynes a -2”, pur cercando di sbagliare il secondo. Col pressing e l’instant replay, l’Umana Reyer recupera palla a 1” e 9 decimi dalla fine ed è il gancio di Watt sulla sirena a regalare l’overtime sul 73-73.

Supplementare

Nelle prime quattro azioni del supplementare, Trento va sempre in lunetta (l’Umana Reyer una volta, con 0/2 di Daye) ed è 73-78 al 42’30”. Watt trova il 73-78 a -1’23”, poi De Nicolao recupera palla sul tentativo da 3 di Forray e, dopo il time out, Watt mette i liberi del 77-78 a -48”. Trento ha il merito di recuperare due rimbalzi offensivi sugli errori da 3 di Gomes e Forray, poi Craft mette la tripla del successo per 77-81, perché, a -5”, il quinto fallo, in attacco, di Watt chiude il match.

Parziali: 13-22; 23-44; 46-59; 73-73

Umana Reyer: Haynes 5, Stone 7, Bramos 8, Tonut 3, Daye 13, De Nicolao 10, Vidmar 3, Jerkovic ne, Biligha 10, Mazzola, Cerella 4, Watt 14. All. De Raffaele.

Dolomiti: Marble 11, Pascolo 7, Mian 3, Forray 13, Flaccadori 2, Craft 22, Mezzanotte ne, Gomes 9, Hogue 8, Lechthaler ne, Jovanovic 5. All. Buscaglia.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • 5 consigli per favorire il benessere intestinale

  • Bidoni della spazzatura: come fare per averli sempre puliti

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • Incidente fra mezzi pesanti sulla A4 a San Stino, un morto

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il dolore della comunità per la perdita del giovane Alessio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento