Umana Reyer spietata: surclassa Avellino e rimane imbattuta in trasferta

Grande prova dell’Umana Reyer, che coglie l’ennesima vittoria esterna espugnando per 49-79 l’ostico PalaDelMauro di una Sidigas Avellino in difficoltà

Un momento del match (foto:reyer.it)

Grande prova dell’Umana Reyer, che coglie l’ennesima vittoria esterna (alla pausa per le Nazionali gli orogranata arrivano imbattuti in trasferta, sia in Serie A che in Basketball Champions League!), espugnando per 49-79 l’ostico PalaDelMauro di una Sidigas Avellino in difficoltà.

Primo tempo

Quintetto senza sorprese (Haynes, Stone, Bramos, Daye e Vidmar) e partita in equilibrio (5-4) per i primi 3’. Il primo tentativo di allungo orogranata è firmato da Bramos con cinque di fila (5-9 al 4’), poi, dopo la risposta di Cole e Green a metà periodo (10-11), Stone mette una tripla e Vidmar schiaccia il 10-16 al 5’30” su cui Avellino chiama time out. L’Umana Reyer continua a giocare con il giusto atteggiamento, sia in difesa che in attacco, dove cerca di finalizzare il gioco corale (7 assist a fine quarto) sotto canestro: ancora da Vidmar (prima di spendere il secondo fallo) e successivamente Watt arriva così il vantaggio in doppia cifra: 10-20 al 6’30”. Dopo qualche errore su buoni tiri, anche la difesa subisce in parte la reazione d’orgoglio finale di Avellino, che torna a segnare con Cole al 7’30” e si riavvicina al primo intervallo sul 14-20. Sykes prova a continuare l’inerzia irpina in avvio di secondo periodo (16-20), ma coach De Raffaele chiama subito time out e la squadra ritrova la via del canestro con Watt all’11’30” (16-22). Avellino si riporta a un solo possesso (19-22) al 12’, ma Biligha prima segna, poi recupera palla con canestro di Watt e, sempre in contropiede, De Nicolao costruisce per Tonut il facile appoggio del 19-28 al 13’30” con nuovo time out Sidigas. Ndiaye segna un libero, ma i protagonisti restano sempre gli orogranata: Watt tocca quota 11 punti personali con un canestro e la tripla del 20-33 subito dopo metà quarto, Tonut infila il 20-35 al 16’30”. Un paio di palle perse in attacco dall’Umana Reyer non vengono sfruttate appieno da Avellino, a segno ancora (1/2) dalla lunetta con Cole al 18’. Il margine, comunque, si dilata ulteriormente nel finale, quando Haynes mette due triple di fila, chiudendo i primi 20’ sul 25-43.

Secondo tempo

Nel secondo tempo, si riparte proprio da una tripla di Haynes, ma dopo quasi 3’ (in cui il protagonista, sia in positivo che in negativo, è Vidmar: rimbalzo offensivo, terzo fallo e stoppata su Filloy). Filloy muove il punteggio anche per Avellino, ma la difesa orogranata continua a mordere e l’attacco va in scioltezza: schiacciata di Watt su assist di De Nicolao, due liberi di Haynes e contropiede ancora del capitano per il time out dei padroni di casa sul 27-52 al 24’30”. Avellino, nonostante la schiacciata di Ndiaye, appare sfiduciata e i minuti passano con il margine che, anzi, si allarga ulteriormente con cinque punti di fila di Daye: 31-57 al 27’30”. La concentrazione dell’Umana Reyer non cala, come testimonia la gran stoppata di Biligha su Sykes che porta Avellino all’infrazione di 24” e lo stesso centro schiaccia il 31-59 al 29’, stoppando anche Spizzichini nell’ultimo minuto del quarto, in cui gli orogranata subiscono solo 6 punti! Le squadre affrontano così gli ultimi 10’ di gioco a risultato in pratica già acquisito, anche se l’Umana Reyer continua con la stessa intensità. Il punteggio si muove con un potenziale gioco da 3 punti (non completato) di Ndiaye al 32’, poi Watt mette un libero, Filloy arriva in doppia cifra, ma Biligha schiaccia e chiude il gioco da tre punti: 35-62 al 33’. Il +30 arriva con una tripla di Giuri al 34’30”, ma c’è tempo anche per allungare ulteriormente: 1/2 di Cerella sull’antisportivo di Green (36-67), altra stoppata di Biligha su Spizzichini, 36-70 sul gioco da tre punti di Watt al 36’30”, 38-74 con quattro di fila di Tonut, 40-77 con la tripla di Daye al 38’30”. Poi segna solo due liberi Giuri: il finale recita così 49-79.

Parziali: 14-20; 25-43; 31-59

Sidigas: Idrissou ne, Guariglia ne, Green 7, Filloy 10, Campani, Sabatino ne, D’Ercole, Sykes 11, Cole 10, Spizzichini 2, Ndiaye 9. All. Vucinic.
Umana Reyer: Haynes 15, Stone 3, Bramos 5, Tonut 8, Daye 10, De Nicolao, Vidmar 6, Biligha 9, Giuri 5, Mazzola ne, Cerella 1, Watt 17. All. De Raffaele.

Potrebbe interessarti

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

  • Micosi alle unghie: i rimedi fai da te

  • I consigli per una lavastoviglie pulita e senza cattivi odori

  • Moscerini della frutta: come eliminarli dalla propria cucina

I più letti della settimana

  • Schianto frontale tra un'auto e un autobus: due morti e feriti gravi sulla Triestina

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

  • Si sente male e muore in spiaggia a Jesolo

  • Auto fuori strada finisce nel canale, perde la vita un 23enne

  • A Mirano una raccolta fondi per la famiglia di Andrei e Ana Maria

  • Sabato i funerali di Riccardo Mian. A breve una perizia sull'incidente

Torna su
VeneziaToday è in caricamento