Strapotere Reyer: contro Cantù vittoria 76-46

Gli orogranata vincono contro San Bernardo e interrompono la striscia di quattro sconfitte

L’Umana Reyer si ritrova nel migliore dei modi, con una prestazione di squadra eccellente che vale il 76-46 sull’Acqua San Bernardo Cantù. 

Primo tempo

Nelle rotazioni degli stranieri resta fuori Udanoh, con il quintetto inedito che vede in campo Stone, Chappell, Bramos, Daye e Vidmar. Gli orogranata scendono in campo con grande concentrazione e una difesa solida fin dalle prime battute: Cantù prova a correre, ma non segna per 3’ (4-2). I lunghi veneziani giocano al servizio della squadra, servendo gli assist per le triple di Daye e Chappell del 12-5 con time out canturino subito dopo metà quarto. L’Umana Reyer, comunque, non si ferma, con una serie di recuperi difensivi, e allunga progressivamente, toccando la doppia cifra al 7’ (tripla di Bramos del 17-5). Daye segna il 21-9 al 9’ su un’incredibile giocata di Stone (rimbalzo offensivo in tuffo e assist no look cadendo fuori dal campo), poi tocca dalla lunetta la doppia cifra personale per il 23-9 al primo intervallo. Cantù prova a non mollare in avvio di secondo quarto (23-13 di Simioni all’11’30”), poi, dopo il time out di coach De Raffaele, Watt sblocca l’Umana Reyer al 12’30” (25-13). Watt segna anche al 13’ (27-14), anche se l’attacco orogranata, nel frangente, fa un po’ di fatica: Filloy segna da 2, prima di un antisportivo (con instant replay) comminato a Daye, e poi da 3 (32-21 al 17’30”), ma, proprio dall’arco, Collins riporta gli ospiti a -6 (32-26) al 18’. Vidmar, Chappell e la tripla ancora di Filloy sulla sirena, ridanno all’Umana Reyer il vantaggio in doppia cifra (39-28) all’intervallo lungo.

Secondo tempo

La ripresa del gioco ripropone la miglior versione difensiva degli orogranata, che, anche senza spendere falli, impediscono agli avversari di giocare in velocità e di entrare nel pitturato, concedendo tiri a bassa percentuale. Alla difesa si aggiungono buone giocate anche in attacco, con gli ospiti costretti a due time out già nella prima metà di periodo. Bramos, dalla lunetta, firma il primo vantaggio di almeno 20 punti (49-28 al 24’30”), poi è +24 con Daye al 28’30” e con il grande assist di De Nicolao per Tonut sulla sirena, a cui si arriva sul 59-35. La partita è già virtualmente in ghiacciaia, ma l’Umana Reyer non molla di un centimetro ed è 67-35 al 33’. C’è quindi spazio prima per Casarin e poi per Pellegrino, con Cantù che prova a rendere meno pesante il divario (67-42 al 36’30”), anche se è di nuovo +30 (76-46) Umana Reyer al 40’, con Tonut dopo i canestri di Pellegrino e Casarin.

Parziali: 23-9; 39-28; 59-35

Umana Reyer: Casarin 2, Stone, Bramos 7, Tonut 15, Daye 15, De Nicolao, Filloy 10, Vidmar 6, Chappell 13. Pellegrino 2, Cerella, Watt 6. All. De Raffaele.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Acqua San Bernardo: Young 5, Collins 11, Procida, Clark 3, La Torre, Hayes 4, Wilson 7, Burnell 8, Baparapè ne, Simioni 5, Rodriguez 2, Pecchia 1. All. Pancotto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

  • Auto fuori strada, morto un uomo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento