Gli operatori sanitari hanno una marcia in più: consegnate 53 auto nuove

Sono tutte modello Panda Gpl a basso impatto ambientale e saranno utilizzate per l'assistenza domiciliare a persone anziane e disabili sulla terraferma veneziana

Taglio del nastro a Tessera

Sono state consegnate martedì, nella sede di Lease Car Broker a Tessera, 53 auto Panda Gpl da impiegare nei servizi di assistenza degli operatori socio sanitari di "Fondazione Venezia servizi alla persona" sulla terraferma veneziana.

L'autonomia

Grazie a queste nuove macchine il personale, durante l’attività di assistenza domiciliare alle persone anziane e disabili, non sarà più costretto a utilizzare il mezzo privato per spostarsi. La Fondazione Venezia è stata fondata nel 2014. Il collegio dei fondatori è composto dalle Ipab Antica Scuola dei Battuti e Istituzione di Ricovero e di Educazione.

I servizi

«Inizia la fase matura di Fondazione Venezia - afferma Simone Venturini, assessore alla Coesione Sociale -, su cui abbiamo deciso di scommettere per dare una situazione di tranquillità ai dipendenti. Nonostante le perdite degli anni passati, ci abbiamo creduto, e grazie all'alleanza tra il Comune, Ipab e Fondazione abbiamo reso efficiente il servizio». Alla cerimonia presente don Fausto Bonini per la benedizione delle auto. La Fondazione è iscritta all’albo di soggetti accreditati nel Comune di Venezia ai quali i cittadini possono richiedere l’erogazione degli interventi di assistenza tutelare, cioè le prestazioni socio assistenziali previste dal “Regolamento dei servizi di Assistenza Tutelare e Cure Familiari”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: 23enne recuperato morto

  • Meteo instabile nelle prossime ore: arriva l'ondata di calore, in Veneto rovesci e temporali

  • Confermati temporale e grandine, nel Veneziano crolleranno le temperature

  • Incidenti sul Passante: una Ferrari incastrata sotto un camion

  • Schianto in autostrada, morta una 22enne

  • Dalla pesca al furto: denunciati ragazzi veneziani

Torna su
VeneziaToday è in caricamento