Firmato l'accordo per l'ospedale al Mare: «500 posti di lavoro e distretto sanitario garantito»

Passi avanti nel processo di riqualificazione. L'Ulss 3 assicura che i servizi sanitari saranno migliorati e non ci saranno interruzioni

La giunta veneziana ha ratificato il protocollo di intesa tra la Regione, il Comune e Cassa Depositi e Prestiti per la «riqualificazione e rivitalizzazione dell’area dell’ex ospedale al Mare al Lido». Da una parte l'accordo prevede un programma di rilancio turistico con la realizzazione di servizi privati e pubblici, tra cui una scuola internazionale, un centro sanitario e un centro di benessere; dall'altra il documento contiene le indicazioni per una serie di iniziative di supporto finanziario al Comune attraverso la «valutazione di azioni sullo stock di debito esistente nei confronti di CDP per liberare risorse finanziarie ed estinguere anticipatamente contratti derivati stipulati dal Comune». Il Comune, da parte sua, si impegna ad istruire in tempi brevi le pratiche per la realizzazione e la gestione degli interventi.

Riqualificazione del Lido

Ha commentato il sindaco Luigi Brugnaro: «Chi abita a Venezia conosce bene questo luogo e i suoi problemi, non solo di carattere economico, ma anche sociale. Il livello di degrado a cui si era arrivati è un ricordo. La riconversione dell'ex ospedale al Mare non solo rispetterà il sistema delle dune favorendo la ri-naturalizzazione del territorio, ma porterà anche nuova occupazione, con 500 posti stabili a regime. Inoltre rimarrà la parte del Distretto sanitario, un elemento essenziale ed indispensabile per residenti e visitatori. Lavorando insieme abbiamo gettato le basi affinché questo progetto sia economicamente sostenibile». L'Ulss 3 ha ggiunto: «Il protocollo d'intesa garantisce, dentro un contesto di importante sviluppo per il Lido di Venezia, la realizzazione del nuovo presidio socio sanitario. Esso avrà caratteristiche previste dalla LR 22/2002 e tali da migliorare e potenziare i servizi socio-sanitari attualmente erogati nel padiglione Rossi, e la sua realizzazione dovrà avvenire senza che vi sia alcuna interruzione del servizio socio sanitario».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Scorzè: camionista investito e ucciso nella notte

  • Truffatore online per anni, lo vanno a prendere nel suo appartamento

  • Referendum per la separazione di Venezia e Mestre: l'affluenza si ferma al 21,73%

  • Trovato morto a 17 anni: sospetta overdose da psicofarmaci

  • Scoperta a rubare vestiti, aggredisce il direttore e gli punta le forbici in faccia

  • Referendum per la separazione di Venezia e Mestre: affluenza al 21,7%. Sì al 66%

Torna su
VeneziaToday è in caricamento