Confindustria, fusione Cona-Cavarzere: "Risorse fresche per imprenditoria e lavoro"

L'incontro lunedì nella sede di Confcommercio sul progetto di accorpamento dei Comuni: "Molte aziende qui esportano in tutto il mondo e questo che ci porta a guardare aldilà dei confini"

Si è tenuto lunedì, nella sede di Confcommercio, un incontro che ha coinvolto Confindustria Venezia Rovigo, le amministrazioni di Cona e Cavarzere, e le altre associazioni di categoria, sul progetto di fusione-accorpamento dei Comuni di Cona e Cavarzere. 

Risorse
  

“All'incontro di ieri sono stati presentati tutti i vantaggi che la fusione dei due Comuni porterebbe al territorio, e abbiamo registrato grande entusiasmo da parte di tutte le associazioni di categoria presenti - hanno affermato Ilaria Turatti (referente territoriale di Cavarzere) e Loredano Grande (referente territoriale del Bacino Clodiense) di Confindustria Venezia Rovigo -. Con la fusione infatti si acquisirebbe una dimensione maggiore e si potrebbe beneficiare di una serie di agevolazioni dallo Stato: risorse economiche che potrebbero essere messe a disposizione dell’imprenditoria e dei lavoratori, dando nuovo impulso al tessuto produttivo, ma anche della collettività, attraverso una migliore gestione dell'amministrazione comunale e una migliore erogazione dei servizi pubblici".

Esportazioni

"Quest’iniziativa - prosegue Confindustria - è nata all’interno dell'associazione, e quindi è partita dagli imprenditori del territorio che si sono ritrovati uniti e hanno deciso di lavorare insieme, affinché si comprenda al meglio l’occasione che abbiamo per le mani e che non dobbiamo sprecare. Il nostro territorio ha un’importante forza manifatturiera. Vi sono molte aziende qui che esportano in tutto il mondo ed è proprio questo che ci porta a guardare più in là, aldilà dei confini che ormai non esistono più e oltre i quali dobbiamo spingerci, per aprirci alle opportunità e fare rete in questo percorso di crescita che ci si prospetta".

'Un progetto per il futuro'

Il solo Comune di Cavarzere ha perso 3-4.000 abitanti in 10 anni, quello di Cona 3.200 abitanti. "Abbiamo bisogno - ribadisce la confederazione di Venezia e Rovigo - di trovare una nuova forza insieme, unendoci, così come hanno fatto altre associazioni più di 30 anni fa. Ci teniamo a ringraziare la Camera di Commercio Venezia Rovigo Delta Lagunare, che ha elaborato con noi il progetto per la fusione. Chiediamo ora che le amministrazioni comunali prendano visione di questo progetto, lo approfondiscano, mettano in campo le loro esperienze e si facciano parte attiva perché si tratta di un passo importante, che dobbiamo compiere per il bene delle generazioni future. Non si tratta di una battaglia politica, ma di un progetto trasversale nato nell’interesse del tessuto produttivo, dei cittadini, dei lavoratori.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento