Marea eccezionale a Venezia: gli esperti collaborano per potenziare le previsioni

Siglato l'accordo fra Centro maree, Arpav e Arpa Friuli Venezia Giulia per condividere strategie e informazioni. Acqua alta a 102, Papa: «Solo una volta in questo mese negli ultimi 150 anni»

Acqua alta, foto di archivio

Mentre a Venezia va in scena un'acqua alta del tutto eccezionale per il periodo, che tocca quota 102, viene siglata la collaborazione fra Centro maree del Comune, Arpa Veneto e Arpa Friuli Venezia Giulia. Un accordo quadro, spiega la giunta che ne ha dato notizia, «per cercare una strategia condivisa e supportare l'attività di ciascuno nella formulazione di previsioni meteorologiche».

L'acqua alta eccezionale

L'attenzione è rivolta in particolare all'area prospiciente le coste delle regioni, con particolare attenzione agli eventi estremi, ai fini dell’emissione di eventuali segnalazioni. «Un accordo che arriva proprio ora mentre la città continua a essere interessata da fenomeni mareali assolutamente eccezionali, che segnano un nuovo record storico per il mese di agosto dato che, negli ultimi 150 anni i 100 centimetri erano stati raggiunti solo una volta in questo mese - afferma Alvise Papa responsabile del centro maree del Comune di Venezia - . Questo dimostra l’importanza della previsione che, secondo la normativa vigente, è di competenza della protezione civile».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le altre collaborazioni

Questo accordo è un ulteriore tassello nel mosaico che già conta collaborazioni con Cnr (Consiglio Nazionale delle Ricerche), con l'Arpa Emilia Romagna, con Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), il Provveditorato alle opere pubbliche, l'Università di Padova, l'Unviersità di Trieste, l'Aeronautica militare. «Un quadro di sinergie che in questi anni ha già dato frutti nell'affrontare situazioni ed eventi singolari, legati ai cambiamenti climatici. Venezia ha da sempre legato la sua storia al mare e, fin da quando mi sono insediato come sindaco – commenta Luigi Brugnaro – ho fatto in modo che il nostro Centro maree, luogo di eccellenza e di grande competenza, avesse a disposizione tutte le risorse necessarie per effettuare un lavoro fondamentale per la vita della città». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carte false per mantenere in famiglia la licenza di taxi acqueo: denunciati padre e figlia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento