rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Attualità Musile di Piave

Sicurezza, a Musile parte il progetto "Adotta una telecamera"

I cittadini potranno installare appositi apparecchi in aree private che riprendono spazi e luoghi pubblici

Tutelare e monitorare zone specifiche del territorio attraverso l’installazione, da parte dei cittadini, di sistemi di monitoraggio video in aree private a beneficio della collettività. È questo l’obiettivo dell’iniziativa “Adotta una telecamera”, lanciata dall'amministrazione comunale di Musile di Piave che ha lo scopo di estendere il più possibile il controllo in città aumentando i dispositivi di videosorveglianza già presenti, all’incirca una sessantina. Il tutto coinvolgendo i residenti, ma anche le aziende, gli imprenditori, i consorzi, le associazioni, gli amministratori di condominio e chiunque voglia parteciparvi. Il beneficio per il residente è quello di avere uno strumento in più, gestito dal Comune, per individuare eventuali reati o danneggiamenti anche in aree private.

Il cittadino potrà dunque concorrere all’installazione di una o più telecamere in aree private, purché monitorino spazi pubblici o ad uso pubblico (vicoli, strade, piazze o parcheggi). Le immagini verranno connesse al sistema di videosorveglianza comunale. L’iter obbligatorio prevede la presentazione al Comune di un’apposita richiesta. L’ente provvederà poi a concordare un sopralluogo per valutare il punto di installazione, a cui seguirà nullaosta e acquisizione del segnale della telecamera. A carico del residente c'è l’acquisto del dispositivo, degli eventuali accessori e l’installazione degli apparecchi. Il Comune provvederà poi all’ordinaria manutenzione di tutte le telecamere installate, ma anche alla registrazione dei filmati e alla conservazione degli stessi nel rispetto delle norme sulla tutela dei dati personali.

«La finalità di questa iniziativa – commenta il sindaco di Musile di Piave, Silvia Susanna – è un ottimo esempio di sinergia tra pubblico e privato allo scopo di salvaguardare la sicurezza di tutti, dall’incolumità fisica a quella patrimoniale dei cittadini, fino agli episodi di delinquenza. Abbiamo investito molto negli ultimi anni nell’installazione di telecamere su tutto il territorio e crediamo che con la partecipazione attiva del cittadino si possa migliorare ancora di più nel servizio alla cittadinanza e nell’aiuto alle forze dell’ordine in caso di eventuali riprese che possano essere utili alle indagini». I dati saranno conservati in un apposito server e saranno visionabili esclusivamente dal personale autorizzato e dalla polizia giudiziaria. Le immagini registrate, infatti, non saranno visibili ai cittadini. «Avere a disposizione maggiori immagini e riprese sul suolo pubblico - aggiunge Sabrina Spitaleri, comandante della polizia locale di Musile di Piave – rappresenta un aiuto in più in numerosi casi. Si pensi ai danni procurati al patrimonio pubblico o a un bene privato, al recupero di veicoli rubati, alla ricostruzione di incidenti stradali o al fenomeno dell’abbandono abusivo di rifiuti. Negli anni ci siamo accorti come la videosorveglianza sia inoltre molto efficace anche in tema di prevenzione e deterrenza».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza, a Musile parte il progetto "Adotta una telecamera"

VeneziaToday è in caricamento