L'arte di Michelangelo Rossato, autore ed illustratore di libri per bambini

L'ultima opera di Rossato, "Il bambino di colore", è stato pubblicato poche settimane fa ed è rivolto ai più piccoli per aiutarli a riflettere sui pregiudizi

Un universo di colori e atmosfere suggestive per imparare e scoprire il mondo senza smettere di divertirsi. È ciò in cui si trovano catapultati i giovani lettori quando si avvicinano alle opere di Michelangelo Rossato, autore ed illustratore di libri rivolti ai più piccoli. In questi giorni Michelangelo sta promuovendo un libro che ben si sposa con il difficile periodo che stiamo attraversando: Il cuore di Giovanna d’Arco (Arka Edizioni) è infatti una storia d’aiuto per chi sta affrontando una battaglia faticosa. Un libro per portare luce e speranza ai lettori, che scopriranno grazie ad esso la forza e il coraggio dell’eroina francese. «Ho prodotto questo libro per ridare voce a Giovanna d’Arco, una voce speranzosa che illumina le tenebre.» spiega Rossato che, per realizzare questo testo, ha studiato per sei anni la storia della ragazza che a soli 17 anni cambiò la storia d’Europa. Proprio di questo libro la storyteller Ilenia Speranza ha letto alcune parti in un video pubblicato in rete. 

La lettura online delle proprie opere sembra attualmente essere l’attività prediletta di molti autori in questo periodo di isolamento. Un processo cui Michelangelo si sta però astenendo, dopo essersi accorto della trasbordante misura di letture e promozioni: «Sto approfittando di questo momento soprattutto per fare il mio lavoro in solitudine - dichiara - dobbiamo cercare il lato positivo di tutto ciò: leggere e focalizzarsi sulla bellezza e sull'arte possono essere antidoti ai facili sconforti di questo periodo. Lo vedo come un momento di possibile raccoglimento interiore: abbiamo la possibilità di riflettere molto come individui ma anche come genere umano. Arte e letteratura sono alcuni degli strumenti che ci permettono di farlo, e possono rivelarsi un'armatura per l'anima. Se non raccogliamo gli insegnamenti del passato non saremo mai pronti per un futuro migliore.»

L’ultima fatica di Rossato è un piccolo libro, uscito da sole poche settimane, intitolato Il bambino di colore (edizioni La Margherita). «È il mio primo libro rivolto prettamente ai bambini molto piccoli, di età superiore ai tre anni. Per questo motivo, l’ho voluto addirittura scrivere in stampatello per agevolarne la lettura. Ispirato ad una famosa filastrocca della tradizione orale africana, è un libro molto diverso dai precedenti perché in questo ho voluto esternare la mia parte più ironica. Spero possa far riflettere e sorridere piccoli e grandi sull’uguaglianza tra gli esseri umani e sull’importanza di non lasciarsi condizionare dai pregiudizi sul colore della pelle.» spiega l’autore.

Con il sogno di aprire un piccolo atelier di illustrazione e narrazione aperto a tutti, Michelangelo sta lavorando attualmente a due nuovi libri che, garantisce, saranno davvero mitici, nel vero senso della parola.

Chi è Michelangelo Rossato

La vocazione artistica di Michelangelo ha origine fin dall'infanzia, quando amava circondarsi di numerosi libri illustrati. Dopo la maturità classica frequenta un corso estivo alla scuola Ars in Fabula di Macerata, esperienza che matura in lui la consapevolezza del proprio talento: Rossato capisce infatti che progettare libri illustrati gli permette di esprimere al meglio il proprio sentire, unendo l'amore per la letteratura con la passione verso il disegno e la pittura. Oggi Michelangelo ha 29 anni, vive a Pianiga, e all’attivo vanta ben sei libri che trattano fiabe e biografie con piglio decisamente innovativo. 

Il processo creativo alla base della realizzazione di un’opera illustrata è lungo e complesso, come racconta lui stesso: «Inizio a studiare per bene la storia che voglio raccontare e ad interrogarmi sulla vicenda, sia a livello psicologico che simbolico. Comincio poi a scrivere e, parallelamente, a disegnare tutto ciò che mi viene in mente senza un ordine ben preciso: così mi accingo a visualizzare personaggi, ambientazioni, situazioni. Successivamente metto in ordine parole e immagini realizzando lo storyboard, una vera e propria sceneggiatura disegnata del libro. Nel frattempo procedo attraverso prove per definire i colori e l’atmosfera del libro. Infine sono pronto per iniziare a realizzare le illustrazioni finali: utilizzo principalmente pennelli e colori acrilici, anche se a volte lavoro a collage o con tecniche miste. Finalizzo quindi il testo, andando a limare le parole, cercando un linguaggio essenziale ma allo stesso tempo poetico, proprio del libro illustrato. Solitamente l’intero processo dura un anno.»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Schianto tra un'auto e uno scooter, morto un 17enne

  • Zaia contro il Dpcm: «Posso spostarmi in una metropoli e non tra Comuni con meno di 5mila abitanti»

  • Addio a Mirco Giupponi, l'uomo dei record

  • Un nuovo focolaio di coronavirus all'ospedale di San Donà

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 2 dicembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
VeneziaToday è in caricamento