Attualità

Arteven si attiva contro cyber bullismo e blue whale con un progetto di sensibilizzazione per i ragazzi

Aracne. Storia di una metamorfosi è l'evento teatrale per ragazzi e insegnanti finalizzato al contrasto di questi due pericolosi fenomeni sociali

Arteven decide di schierarsi contro due fenomeni sociali che, negli ultimi anni, hanno tolto la vita a un grandissimo numero di ragazze e ragazzi in giro per il mondo. Il circuito teatrale del Veneto, infatti, fa salire sul suo palcoscenico attori e attrici per una lezione/spettacolo di sensibilizzazione contro cyber bullismo e blue whale da proporre alle scuole secondarie di primo grado sia ai ragazzi che ai loro insegnanti. È così che il teatro si attiva per sconfiggere due fenomeli pericolosi per le nuove generazioni che spesso ne cadono vittima.

Un progetto didattico per la prevenzione della violenza online

Il nuovo progetto didattico del circuito multidisciplinare Arteven, ideato per Arteven da Maria Virgillito e Andrea Pennacchi di Teatro Boxer, è incentrato sul fenomeni Blue Whale e Cyber bullismo si intitola Aracne. Storia di una metamorfosi. Arteven, così, propone ai giovani alunni, uno spettacolo/lezione in presenza (o in modalità di didattica a distanza), per far conoscere e affrontare questo spinoso argomento di bullismo online con percorsi divisi in tre momenti: la presentazione, il dibattito e un ultimo momento, più privato, in cui ogni ragazzo, se vorrà, potrà fare le proprie domande all'esperto attraverso i messaggi in direct della pagina Instagram dedicata. 

Questo spettacolo diventa, così, un modo per i giovani di apprendere informazioni fondamentali per non cadere nelle mani degli “abusanti” del web. Con questa proposta i ragazzi acquisiscono una consapevolezza che li aiuta a riconoscere ed evitare le infide trappole della rete, sempre in agguato e contribuire a mettere in guardia i ragazzi della fascia d’età tra gli 11 e i 14 anni.

Cyber bullismo e Blue Whale: il lato oscuro del web 

Il cyber bullismo e il blue whale sono due fenomeni di bullismo attraverso il mondo del web molto diffusi ed estremamente pericolosi per i giovani. Se il cyber bullismo è più conosciuto e comprende diverse forme di violenza psicologica via web, il blue whale è, invece, un fenomeno di internet meno noto ma non meno violento e pericoloso. Questa "sfida", nata in Russia consisterebbe in una serie di prove da superare - tra cui l’automutilazione -, che  avrebbe spinto nel mondo decine di adolescenti al suicidio. Chiamati erroneamente giochi, questi fenomeni si diffondono attraverso i canali video e chat, superano le barriere dei social media e arrivano spesso anche nei telefoni di bambini che non sono in grado di contestualizzare e filtrare quel che vedono o ricevono. Possono partire come giochi innocenti o divertenti, spesso virali, per poi cambiare forma e diventare challenge o sfide, che solleticano le personalità più deviate che ne approfittano per trasformarli in sfide pericolose, o peggio mortali, per i giovanissimi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arteven si attiva contro cyber bullismo e blue whale con un progetto di sensibilizzazione per i ragazzi

VeneziaToday è in caricamento