Attualità

L'allarme di Confartigianato: «Stangata sulla spesa, il pane costa sempre di più»

Cella: «La speculazione anche sul cibo e beni primari sta travolgendo tutto, oltre agli aumenti delle bollette continuano solo a crescere i prezzi di farine, olio, lieviti e tutto il resto»

«Il caro energia e la speculazione sui costi delle materie prime avranno a breve ripercussioni inevitabili anche sul prezzo degli alimenti farinacei, dalla pasta al pane ai dolci». A confermare che sarà un autunno salato anche per il pane per le tasche dei cittadini è il presidente della Federazione Alimentazione della Confartigianato Metropolitana Città di Venezia Alessandro Cella.

L’effetto combinato delle bollette di luce e gas più pesanti e dei maggiori costi generali di tutte le materie prime «non ci consentirà ancora per molto di non ritoccare i prezzi adeguandoli ai maggiori costi – spiega Cella -. Per il momento, nonostante il caro energia, siamo riusciti a contenere il prezzo finale dei panificati limitando i profitti, solo perché sono state usate le scorte di farine e altre materie prime a magazzino. Da qui a breve, quando si esauriranno, l’attuale situazione del mercato non ci darà più scampo e i prezzi saranno destinati a salire». L’effetto dell’ondata speculativa, già denunciata dagli osservatori qualche mese fa, sta dunque arrivando anche nella vita quotidiana di tutti e, soprattutto pure sul pane, un bene primario e “sacro” sulla tavola degli italiani.

Sul fronte dei prezzi, per le granaglie è stata un’estate caldissima. Alla borsa di Chicago, riferimento mondiale per i prezzi dei grani, si sono registrati aumenti del 15/20% in poche settimane, ma si tratta di aumenti calmierati per non far saltare i contratti in essere. La seconda tranche di rincari, già confermata sui mercati virtuali che vendono nel lungo periodo, a breve verrà confermata nei prossimi prezzi reali. Ma non solo. «Si preannunciano forti incrementi anche per burro, olio e lieviti e a fine ottobre inevitabilmente ognuno di noi dovrà fare i conti con questa crescita generalizzata dei prezzi all’ingrosso” - spiega Cella -. Il dispiacere maggiore è che purtroppo la gente penserà che questi aumenti siano una decisione del panettiere, per questo riteniamo corretto denunciare ciò che sta accadendo veramente e puntare il dito contro le speculazioni in corso. Il tutto, purtroppo per la nostra categoria, si tradurrà poi nell’ennesima mazzata». 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'allarme di Confartigianato: «Stangata sulla spesa, il pane costa sempre di più»

VeneziaToday è in caricamento