Ulss 4: da giovedì all'ingresso degli ospedali va compilata l'autocertificazione

La novità è stata introdotta per limitare il pericolo di contagi e poter fare un eventuale tracciamento

Considerata la continua evoluzione della situazione epidemiologica e allo scopo di contenere il pericolo di contagi, da giovedì 12 novembre parte delle persone che si recheranno negli ospedali di Portogruaro, San Donà di Piave e Jesolo, dovranno compilare un’autodichiarazione indicando le generalità, la conferma di essere in buono stato di salute, non essere in isolamento così come l'assenza di contatti con persone positive al virus negli ultimi 14 giorni. La novità introdotta ha lo scopo di accertare che chi entra in ospedale non possa contagiare pazienti, personale medico e sanitario. Inoltre, la dichiarazione permette il tracciamento di eventuali contatti in caso di positività al virus e verrà conservata per 10 giorni successivi alla compilazione.

Chi dovrà compilare l'autocertificazione

Dovranno compilare l’autocertificazione: i visitatori di degenti, caregiver o accompagnatori di utenti che necessitano di un aiuto. Saranno esentati dalla compilazione: chi si reca in ospedale con appuntamento già fissato, con prescrizione medica, per ricovero ospedaliero, in quanto situazioni che già prevedono la registrazione dell’utente.

L’autocertificazione dovrà essere compilata all'ingresso dei tre ospedali e verrà consegnata dal personale di controllo degli accessi. Per velocizzare i tempi d'ingresso, i diretti interessati potranno precompilare il documento a casa, scaricandolo dal sito internet www.aulss4.veneto.it oppure dalle pagine Facebook e Twitter “Ulss4 Veneto orientale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento