rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Attualità

Visite al seno per le donatrici di sangue e promozione della prevenzione: l'iniziativa di Avis Mirano

Il progetto, finanziato dalla Regione Veneto, sarà rivolto nei prossimi mesi alle donne donatrici di AVIS Mirano tra i 40 e i 49 anni e prevederà tre fasi: webinar informativi sulla prevenzione, campagne di promozione della salute e visite di screening.

Il progetto finanziato dalla Regione Veneto con risorse del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sarà rivolto nei prossimi mesi alle donne donatrici di AVIS Mirano tra i 40 e i 49 anni e prevederà tre fasi: webinar informativi sulla prevenzione, campagne di promozione della stessa con particolare attenzione alle patologie più frequenti nelle donne e visite di screening in collaborazione con la Casa di Cura Giovanni XXIII di Monastier di Treviso, eccellenza nell’ambito della diagnostica e della cura del cancro al seno, all’interno della quale vi sono anche diverse aree dedicate alle pazienti sottoposte alle cure per il trattamento della neoplasia alla mammella.

«Il progetto è molto importante, in particolare in questo momento di pandemia in cui le persone rinunciano alle visite specialistiche per il Covid-19 – spiegano Matteo Giordan, presidente di Avis Mirano e Laura Zanardo, vicepresidente vicario –. Il tumore al seno è uno dei più diffusi ma anche uno dei più curabili se diagnosticato in tempo». La medicina di genere, o meglio la medicina genere-specifica, consiste nello studio dell’influenza del sesso, termine che comprende anche aspetti socioculturali e psicologici, sulla fisiologia e sulle malattie che colpiscono sia gli uomini che le donne. Differenze tra i generi, infatti, si osservano nella frequenza, nei sintomi, nella gravità di numerose malattie e anche nella risposta alle terapie e nelle reazioni avverse ai farmaci. Determinanti sono inoltre gli stili di vita, spesso diversi tra uomini e donne, e la risposta a nutrienti e contaminanti ambientali.

Alcune patologie che colpiscono gravemente le donne (come il cancro al seno e all’utero) potrebbero essere curate se diagnosticate per tempo attraverso una diagnosi precoce: sono tantissimi gli studi scientifici che hanno dimostrato l'importanza della prevenzione e della promozione della salute per ridurre l'incidenza delle malattie e della mortalità e per favorire, invece, il mantenimento del benessere e della qualità della vita. 

I webinar 

Pensati sempre per le donne (ma non solo), partiranno il 19 marzo anche i webinar dedicati al tumore al seno, alla medicina di genere e al cancro all’utero (durante il mese dell’ottobre rosa). Capofila del progetto saranno AVIS Mirano –  in collaborazione con AIDO Mirano e la presidente Flavia Petrin – e AIDO Santa Maria di Sala con il presidente Sandro De Liberali, i quali collaboreranno per realizzare una campagna di promozione della salute, ponendo particolare attenzione sulle patologie più frequenti nelle donne attraverso l’uso di social network, depliant e locandine. 
«In questo periodo storico, dove gli incontri informativi svolti in presenza risultano di difficile esecuzione – spiega Zanardo –, gli strumenti informatici diventano un mezzo efficace per la realizzazione di eventi di promozione della salute».

La campagna

Fondamentale la campagna di sensibilizzazione/informazione attraverso materiale digitale: le attività del progetto riusciranno ad avere una diffusione sia a livello provinciale (grazie alla collaborazione di altre Avis comunali, Avis provinciale Venezia e altre realtà del Terzo Settore) sia a livello regionale, con la collaborazione di Avis Regionale Veneto nella diffusione e promozione delle attività. Inoltre, per le attività di formazione, vi sarà il sostegno della Scuola di Formazione Interregionale del Triveneto. A livello extra-associativo ci sarà infine la partnership di associazioni del dono quali Aido Mirano e Aido S. Maria di Sala.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Visite al seno per le donatrici di sangue e promozione della prevenzione: l'iniziativa di Avis Mirano

VeneziaToday è in caricamento