Spiagge senza barriere, anche ai bagni Vianello di Sottomarina il mare è per tutti

Pedane, scivoli, carrozzelle, servizi accessibili, pet-therapy, kayak, escursioni per turisti con varie abilità: questo e altro nella start-up clodiense del progetto regionale di turismo sociale

Turismo accessibile, spiagge senza barriere: in Veneto è possibile, come dimostrano, tra gli altri, i Bagni Vianello di Sottomarina, le cui strutture sono state presentate mercoledì, alle presenza delle istituzioni. Per le 3 Ulss del litorale (Veneto Orientale, Serenissima e Polesana) hanno partecipato i direttori generali, Giuseppe Dal Ben, Carlo Bramezza e Antonio Compostella, le associazioni dell’handicap e cooperative sociali e del distretto di Chioggia, gli assessori regionali al Turismo, Federico Caner, e alle Politiche Sociali, Manuela Lanzarin, nonché il sindaco di Chioggia, Alessandro Ferro. 

Strutture inclusive

Pedane e scivoli per l’accesso al mare, carrozzelle in spiaggia, spogliatori, bar e servizi accessibili a tutti, giostrine per i bambini, la presenza quotidiana nei giorni feriali di un operatori socio-sanitario, un tablet attrezzato per il linguaggio dei segni, pet-therapy con uno scodinzolante ‘quattro zampe’, corsi e pratica di kayak per tutti, escursioni in mare con una barca attrezzata per turisti di tutte le età e di tutte le abilità: questa l’offerta dello stabilimento balneare inclusivo di Sottomarina, start-up del litorale clodiense per il più vasto progetto regionale di turismo sociale e spiagge accessibili a tutti. Avviato dall’Ulss 4 Veneto orientale, e finanziato quest’anno dalla giunta regionale, con 170 mila euro, contributo che porta a 800 mila euro la ‘leva’ regionale messa in campo nell’ultimo biennio per qualificare il turismo sociale e accessibile sulle spiagge venete, il progetto veneto investe in stabilimenti accoglienti e in servizi sportivi e ricreativi per persone di ogni condizione ed età, con una particolare attenzione ai disabili, sia fisici che psichici. 

1051-2018 in spiaggia con kayak-2

Investimenti

“Le nostre spiagge, per conformazione e tradizione, offrono già oltre cento chilometri di stabilimenti accessibili, villaggi e servizi ricreativi pensati per le famiglie e per le persone disabili. I Bagni Vianello sono la vetrina di quello che può offrire il litorale attrezzato più lungo di Italia – evidenzia l’assessore regionale al Turismo, Federico Caner -. Si tratta ora di monitorare l’offerta di accessibilità dell’intera costa veneta, di qualificare ulteriormente le esperienze già esistenti, collegarle con il tessuto recettivo e dei servizi turistici e promuoverle su scala nazionale e internazionale".

Le esperienze di turismo sociale e inclusivo sul litorale veneto sono numerose: stabilimenti attrezzati e presidiati da personale sanitario, villaggi e case vacanze creati e gestiti da enti religiosi o da fondazioni o da soggetti imprenditoriali a spiccata responsabilità sociale, alle ex colonie di un tempo oggi riconvertite ad uso sociale. Il piano turistico regionale per il  2018 intende dare continuità e potenziare ulteriormente questa specificità della costa veneta, investendo su servizi ricreativi e sportivi, sull’accoglienza del disabile da parte di personale qualificato, sulla presenza di volontari e di operatori sanitari e sulla pronta disponibilità di assistenza sanitaria in loco, oltre che sulla proposta di animazione.

Riqualificare e incentivare 

“Un paese civile e moderno – sottolinea l’assessore Lanzarin – deve garantire a tutti la possibilità di viaggiare, trascorrere il tempo libero a propria dimensione, offrire strutture di ospitalità inclusiva. Per una regione come il Veneto, che ogni anno registra oltre 69 milioni di presenze e quasi 20 milioni di arrivi, investire nel turismo accessibile è un dovere sociale e al tempo stesso una scelta strategica di grande valenza. Il contatto con la natura, il riposo, la dimensione ludica e i benefici terapeutici dell’ambiente marino sono un diritto sociale e universale, che non deve conoscere barriere. Per questo l’amministrazione regionale investe risorse del fondo sociale per promuovere l’accessibilità delle spiagge e degli stabilimenti balneari e sostenere interventi di riqualificazione delle strutture esistenti. Progetti e iniziative in essere saranno valutati secondo criteri oggettivi – dai parcheggi ai servizi igienici e spogliatoi, dalle aree ludiche alla formazione del personale – al fine di offrire una vera accoglienza socio-sanitaria turistica”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento