Pubblico e privato fanno assieme nella cura dei beni comunali urbani

È la prima città veneta ad aver approvato in Consiglio il regolamento da una proposta di delibera di iniziativa consiliare: «Può iniziare un'attività di recupero di spazi abbandonati e degradati»

Parco Bissuola, archivio

Approvato in Consiglio comunale il regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura, la gestione condivisa e la rigenerazione dei beni comuni urbani, con 29 voti favorevoli e 2 contrari. Una proposta di delibera di iniziativa consiliare, a firma del consigliere Nicola Pellicani, condivisa da tutto il parlamentino locale.

Il regolamento

Una opportunità di condivisione di risorse e impegni tra pubblico e privato, di socialità all’interno della comunità locale, di valorizzazione degli immobili comunali e degli spazi pubblici. Il documento disciplina le forme di collaborazione tra i cittadini e l'amministrazione comunale con l’obiettivo di favorire l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale nel territorio comunale, sulla base del principio di sussidiarietà orizzontale, con lo scopo di riconoscere e valorizzare le forme di collaborazione tra cittadini e ente pubblico, intesa anche come strumento per il pieno sviluppo della persona, di favorire la partecipazione dei cittadini alla vita della comunità, di promuovere azioni e interventi per la protezione, conservazione, manutenzione e fruizione dei beni comuni urbani.

Dettagli

Nelle “Disposizioni generali” sono definiti l’oggetto e l’ambito di applicazione del regolamento, il capo II, “La disciplina degli interventi di cura, gestione condivisa e rigenerazione dei beni", è suddiviso in due sezioni: nella prima vengono definiti i rapporti tra l'amministrazione e i "cittadini attivi”, approfondendo modalità, condizioni, strumenti e forme del patto di collaborazione, mentre la seconda illustra tipologie, presupposti e caratteristiche degli interventi. Nel capo III “Le disposizioni di carattere procedurale”, sono definite le modalità con cui i cittadini possono presentare proposte di collaborazione e quelle con cui vengono vagliate assicurando il corretto bilanciamento degli interessi pubblici e privati. Vengono inoltre previste, nel capo IV, “Forme di sostegno” e riconoscimento per le azioni realizzate, modalità di “Comunicazione e rendicontazione”, tra cui la realizzazione di un portale web dedicato per favorire il progressivo radicamento della collaborazione con i cittadini e di “Responsabilità e vigilanza". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Città apripista

«Davvero un bell'esempio di buona politica, che consente di avviare un rapporto virtuoso tra amministrazione e cittadini - commenta Pellicani -. Il regolamento (la versione ufficiale sarà pubblicata tra una decina di giorni) è uno strumento innovativo per il governo delle città, che coinvolge e responsabilizza gli abitanti dei quartieri. È così che può iniziare concretamente un'attività di recupero di spazi abbandonati e in degrado a partire dalle periferie, generando così anche maggior sicurezza. Si va da piccoli progetti come l’aiuola sotto casa, alle aree verdi da trasformare in orti o in piccoli parchi, fino al recupero degli edifici abbandonati, che può avvenire attraverso diversi progetti, così da essere più operativo. Con questo regolamento Venezia diventa città apripista in Veneto, e si aggiunge ai circa 200 Comuni che in tutta Italia l'hanno adottato. Fondamentale sarà l'attivazione dell'Ufficio per l'amministrazione condivisa, previsto dal regolamento, che diventerà l'interfaccia dei cittadini per presentare proposte e sottoscrivere patti di collaborazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento