rotate-mobile
Attualità

Bollette pazze e finti contratti: tra Mestre e Venezia casi aumentati del 40 per cento

L'ultimo risale a pochi giorni fa: una bolletta da 11mila euro. I consigli di Adico

L'ultimo caso eclatante seguito questa settimana dall'Adico riguarda una 50enne mestrina che ha ricevuto una bolletta del gas da 11mila euro. Dopo una rapida analisi da parte dell'ufficio legale dell'associazione sono emersi importi prescritti e, soprattutto, una fatturazione totalmente irregolare. Ma è solo uno dei tantissimi casi che vedono gli utenti mestrini e veneziani alle prese con le aziende fornitrici di servizi, come gas, energia elettrica, telefonia, internet, pay-tv. Da questo punto di vista il 2018, secondo i dati dell'associazione, è stata una stagione da record.

L'aumento record

Nell'arco dello scorso anno l'ufficio legale di Adico ha seguito 252 casi, contro i 181 del 2017, con un aumento mai registrato prima di poco inferiore al 40 per cento. Ma il 2019 potrebbe segnare nuovi apici, dato che nel mese che sta per concludersi sono una ventina le persone che si sono rivolte all'Adico per problemi con società fornitrici di servizi. Ma quali sono le principali problematiche legate a questo mondo? In generale, per tutti i settori, esiste un problema di contratti secondo Adico. Quelli siglati porta a porta o al telefono sono spesso fuorvianti, poco chiari, se non addirittura non richiesti. Nel mercato dell'energia, i casi più frequenti riguardano importi sproporzionati, molte volte caratterizzati da una tassazione eccessiva che può arrivare anche al 50 per cento dell'intera bolletta. Poi ci sono i contratti «strappati» con gli inganni, l'interruzione immotivata di forniture, le doppie fatturazioni e disservizi di varia natura. Per le telecomunicazioni, innumerevoli le incognite con la linea internet che fa letteralmente impazzire centinaia di utenti.

I consigli

«Ormai siamo in un sistema che produce continue storture - commenta Carlo Garofolini, presidente dell'Adico - ma è inevitabile visto la vastità delle offerte e della aziende che sono presenti sul mercato. Per quanto riguarda il settore dell'energia e in particolare del gas, il consiglio è sempre quello di effettuare le autoletture per evitare brutte sorprese. E di rivolgersi immediatamente a persone esperte di fronte a raggiri, a bollette stratosferiche, a proposte che non convincono. Per quanto riguarda la telefonia, vale lo stesso consiglio: meglio farsi consigliare da persone esperte quando si verifichino dei problemi. Consigliamo anche di evitare il più possibile contratti siglati porta a porta o tramite call center, La cosa migliore è avere un negozio serio e di riferimento a cui ci si possa rivolgere ogni volta che lo si ritiene necessario».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollette pazze e finti contratti: tra Mestre e Venezia casi aumentati del 40 per cento

VeneziaToday è in caricamento